Posta con la pòtta (versione reloaded)

woman man duckface

Posta con la pòtta era un titolo ironico ma a quanto pare molti giovani lo fanno davvero usando un’altra parte del corpo, riflesso di una vita sessuale abbastanza precoce che si manifesta nella vita reale oltre che in Internet.

Non è quindi colpa di Badoo, Netlog e simili se l’8% (che diventa il 4% dei minori dai 12 ai 14) dei ragazzi tra i 15 ed i 17 anni pubblica in rete foto che li ritraggono nudi o in pose osè secondo un indagine pubblicata per il Safer Internet Day 2010.
Quasi preferisco le duck face diffusissime nei social network, quasi…

Storie di italiani brava gente. Davvero!

Andrea Vascellari parla al WBF 2009

Non ci sono solo corruttori in Italia, ci sono anche giovani (studenti, ricercatori, operai) che sabato andranno alla manifestazione del NO Berlusconi Day, espressione legittima di molti italiani.
Ai piagnistei di certi ex dirigenti (che poco hanno fatto nel cambiare le cose se non pubblicare libri che in qualche modo “favorivano” proprio quei metodi che si contestano nel sistema Italia) hanno risposto puntualmente anche giovani come Benedetta Tobagi.

Continue reading

Legal Guardian Angels: i giovani e Facebook

C’è una fiera degli stereotipi che mi piacerebbe demolire su queste pagine grazie anche alle tue segnalazioni dunque scrivimi una email a: blog chiocciola dariosalvelli.com

Spesso si parla del rapporto effimero che hanno i giovani con i social network, che siano essi Facebook, MySpace, Badoo il risultato del giudizio non cambia: giornate perse a guardare foto, scrivere commenti con un pessimo italiano, chattare.
Un’altra cattivissima tendenza è quella di raccontare sui media i ragazzi del meridione come degli ignoranti sfaticati buoni solo ad arruolarsi e andare in guerra.

La mia migliore amica sta lavorando ad un film e grazie a queste circostanze ho incontrato una ragazza, un giovane avvocato che ci ha lasciato un “curioso” bigliettino che ha piacevolmente colpito e catturato la mia attenzione:

legal-guardian-angels-front

Sono tre giovanissimi avvocati della provincia di Caserta che hanno aperto uno studio per conto proprio ed hanno pensato di creare un gruppo su Facebook dal nome “Legal Guardian Angels“. Attraverso il gruppo s’impegnano a dare consigli, lanciare discussioni per dare anche un’assistenza in parte gratuita, segnalare notizie del settore.
Ovviamente non disdegnano di utilizzare una comunicazione più tradizionale verso i clienti come l’email ed il cellulare segnalandoli direttamente sulla card:

legal-guardian-angels-retro

Mi sembra un piccolo ma ottimo esempio e mi piacerebbe scoprirne degli altri. In bocca al lupo Legal Guardian Angels!