My blog on Wikipedia

Mi prendo con tutta l’umiltà possibile un piccolo momento autocelebrativo e di soddisfazione ma ci metto giusto due righe.

Non mi era mai capitato di essere con questo link del mio blog su Wikipedia [17].
Qualche editor di Wikipedia ha deciso così e non posso che esserne contento soprattutto perchè si tratta della protesta del Free Burma day che organizzai tempo fa: non ho dimenticato la Birmania e la scandalosa situazione in Myanmair, anzi sono vicino ed ammiro il coraggio di chi utilizza la Rete per protestare e scendere in piazza. Matteo mi ha regalato un sorriso dicendo che ora potrei diventare bersaglio dei servizi segreti birmani.

Vorrei portare avanti queste ed altre mille e piccole ma importanti cause che toccano anche il mio BelPaese ma non so se in futuro ne avrò la forza ed il tempo.
I Governi si alternano ma i problemi delle persone rimango sempre gli stessi, sarebbe bello poterli risolvere tutti.

4 thoughts on “My blog on Wikipedia

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.