Perché sul web vince(va) Aranzulla

Un estratto degli Analytics di questo blog, dal 2009 al 2020

Lo dico subito: il titolo è provocatorio. Apprezzo molto Salvatore Aranzulla per il quale ho scritto anche qualche guida (in un’altra era geologica), ha divulgato concetti semplici a tanti italiani. In questo contesto mi serve soltanto per spiegare com’è cambiato e come sta cambiando (in meglio? troppo lentamente?) il web negli anni, almeno in Italia.

Continue reading

Essere blogger in Italia

Mentre spesso circolano dei pipponi esagerati sull’utilità dei blog in giro ci sono anche tanti bambini digitali che se ne fregano e continuano a scrivere.

Anche se ho sempre detestato il termine blogger usato come aggettivo o distinguo, una delle iniziative editoriali che sto apprezzando molto è la serie del Corriere del Mezzogiorno “Essere blogger a” in città come Napoli e Palermo. I blogger vengono intervistati in maniera originale, non si parla soltanto dei loro blog ma anche della loro vita, cosa fanno, cosa pensano.

Il blog dunque diventa soltanto un accessorio come un altro per esprimere non più il proprio ego ma le passioni più genuine, la voglia di condivisione, sapere, cambiamento. Come Corrado di Vigopensiero, un agronomo siciliano che scrive quasi 100 post al mese e che se ne frega di Google e della SEO: a lui basta coltivare la sua terra, vendere le sue arance rosse e occuparsi delle spinosissime questioni degli agricoltori siciliani. Con un blog al posto di un forcone.

In diretta dalla mensa della scuola

I blog servono a raccontare storie che probabilmente non avremmo mai conosciuto ed a descrivere la realtà di tutti i giorni.

Una bambina di 9 anni insieme al padre ha aperto Never Seconds, un blog culinario dove pubblica le foto del vassoio della mensa scolastica: con una macchina fotografica correda ogni immagine con un commento sulla qualità del cibo, la pulizia, il numero di bocconi e la quantità di capelli e il colore del polsino indossato.

Il blog è abbastanza curato, ha ricevuto molto traffico tanto che in soli 18 giorni il padre è stato ricevuto dal Local Council per chiedere suggerimenti sul miglioramento del servizio incluso l’aumento delle porzioni.

Via [RivistaStudio]