Linux sostituirà Windows? Open Source tra brevetti e Proposte di legge

Linux sostituirà Windows? Open Source tra brevetti e Proposte di legge

Ultimamente mi stanno molto a cuore le sorti dell’open source, forse perchè sogno che le persone siano libere di scegliere. Ha poca importanza, specie se consideriamo la strategia, la querelle dei brevetti di Microsoft: giudico invece rilevante l’articolo a firma di Giuseppe Caravita riguardo il futuro di Linux.

Pensa ad un PC che snobba Windows e preferisce un sistema operativo come Linux, magari con un’interfaccia più intuitiva e facile da usare, che è poi uno degli obiettivi di tutte le distribuzioni presenti in giro, a partire dallo stesso Ubuntu.
Tutti parlano di Ubuntu è vero, ma un motivo ci sarà: per capirlo, prova ad installarlo su Windows utilizzando l’applicativo Wubi che con pochi click ti consente di avere Ubuntu sotto Windows.
Si muovono intanto proposte di legge come questa (file .PDF) dal titolo esplicito: “Norme in Materia di Pluralismo Informatico sull’Adozione e la Diffusione del Software Libero e sulla Portabilità dei Documenti Informatici nella Pubblica Amministrazione“.
Portare l’open source nella Pubblica Amministrazione e nello specifico per quanto concerne la Regione Campania (leggi questo documento comune).
La Campania sarebbe la prima regione del Sud a scegliere il software libero: lo hanno già fatto Toscana, Emilia Romagna, Trentino, Friuli Venezia Giulia e Umbria.
Me lo auguro veramente, per questo se siete di Napoli, vi invito alla manifestazione che si terrrà Venerdì 15 Giugno al Chiosco di Santa Chiara a Napoli: maggiori dettagli a breve, ci saranno probabilmente stand che mostreranno le potenzialità dell’open source.
Ma allora finalmente un movimento forte inizia a farsi sentire, che ne dite?

By | 2011-06-06T18:11:15+00:00 May 22nd, 2007|Voice over Net|6 Comments

About the Author:

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

6 Comments

  1. Stefano 23 May 2007 at 01:41 - Reply

    Più che un fatto di maturità ne faccio una questione di pigrizia e cultura informatica. Solitamente i due fattori sono inversamente proporzionali, basterebbe rompere questo triste legame per vedere lievitare le quote di mercato targate Linux…

  2. Romeo Pruno 23 May 2007 at 17:14 - Reply

    Leggendo il tuo post non riesco a capirne il senso, non capisco cosa auguri: un possibile risparmio dell’Ente Pubblico verso l’adozione di software libero, una flessione di vendita di Microsoft, la ribalta di linux o più semplicemente l’aggregazione ad una corrente ideologica abbastanza stupida che ritiene che free software significhi gratis e che questo appartenga solo a linux, come se il signor linux sia poi quello che ti venga ad installare e mantenere i servizi in maniera gratuita!

  3. Dario Salvelli 23 May 2007 at 19:51 - Reply

    @Romeo: Non mi auguro un calo di vendite di Microsoft,non sono contro il software proprietario ma se la PA può risparmiare credo vada fatto.
    Non mi riferisco solo all’utilizzo di Linux, anzi ben vengano altri s.o.: l’equazione software free uguale migliore soluzione non esiste e non è per nulla ciò che intendevo rappresentare.
    Il mio augurio è che le persone siano più libere (soprattutto mentalmente) di scegliere di quanto lo sono state ora, tutto qua.

  4. […] Sarà stato decisivo l’incontro con Richard Stallman e Bruce Perens di qualche tempo fa? Forse qualcuno inizia a leggere di buon occhio anche i miei tanti post sull’argomento. Resta il fatto che la Camera dei Deputati pare abbia scelto l’open source e nello specifico Linux per la sua infrastruttura interna: lo segnala La Stampa qui. […]

  5. Maarten 16 September 2007 at 22:22 - Reply

    La dipendenza forte su una compagnia (windows) è male per defenizione. Cosi è in grado di vendere un prodotto fatto relativamente male e la gente lo compra ugualmente, perche non ha scelta (vai a comprarti un computer in un negozio, non ti lasciano scegliere il sistema operativa, ce per forza windows su). è questo che vorrei vedere cambiare.

  6. […] Conosco ragazzi capaci ed intraprendenti con altissime competenze e capacità che potrebbero contrastare a colpi di software libero l’avanzata dei grandi colossi e delle software house più potenti; si tratta di sviluppo, convenienza e non c’entra nulla il tifo affinchè vinca il più debole. Di software libero nella Pubblica Amministrazione e di proposte simili ne ho parlato già tantissime volte e continuerò a farlo ed a darmi da fare per fornire maggiore informazione a chi ancora non conosce le possibilità dell’open source ma a leggere certi articoli a volte cascano le braccia. Il comune di Napoli ha effettuato breve tempo fa un accordo con la Microsoft che prevede tre anni di contratto per un esborso di circa 1 milione di euro: acquisto di licenze Microsoft, programmi e software gratis, sconti e privilegi per i dipendenti del comune di Napoli. La causa del mancato utilizzo dell’open source è dovuto non solo alle lacune nella formazione del personale ma anche perchè citando l’assessore alle reti telematiche del Comune di Napoli Donata Rizzo D’Abundo “il parco informatico municipale usa un codice privato“. Non sono contro Microsoft e le aziende che portano innovazione e sviluppo ma di questo passo l’open source nella PA rimarrà pura utopia. […]

Leave A Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.