Hatebook.org: kill Facebook, kill the social

Hatebook.org: kill Facebook, kill the social

hatecake.jpg

Photo Credit: kayepants

Questo servizio piacerà molto ai non estimatori di Facebook, notissimo servizio di social networking, ed a chi ha tanti nemici da “odiare”.

Hatebook infatti è una Rete sociale davvero molto simile a Facebook ma con un intento opposto: invece che inserire i propri amici stavolta potete invitare le persone che non apprezzate o vi stanno antipatiche, quelle che vi stanno sulle scatole e che per qualche motivo odiate. Per molti potrebbe essere divertente per una volta prendere in giro il 2.0 della socialità, del buonismo condiviso.

Il layout del profilo è davvero molto simile a quello di Facebook:

hatebook.jpg

Le funzioni e caratteristiche sono tutte quelle di un social network ma in Hatebook tutto è “evil” dunque: le email diventano “junk” (indesiderate), le foto e gli album “hate”, i vicini di casa sono degli “haters” e la mappa geografica di residenza si trasforma anche questa in una “evil map”, i “warnings” le persone pericolose dalle quali diffidare, gli ultimi che hanno visitato il vostro profilo sono raccolti in una “last idiots list”. Ci sono anche degli “hate points” ma lascio immaginare a voi capire come aumentano. Peccato manchino le apps, le famose applicazioni pregi del fratello Facebook.

Secondo me Hatebook riscuoterà molto successo. Vi odio tutti, eh. Peace & Hatebook.


Link
: Hatebook.org

[Attenzione: qualcuno ha realizzato anche Hatebook.com ma questo sito web è differente da quello finora citato]

[UPDATE November, 11]

– A proposito di Facebook mi storce il naso quando sento parlare di Social Ads.

– E’ di ieri un articolo sul sito di Repubblica riguardo Hatebook: mi piace con presunzione immaginare che l’abbiano letto su questo blog ma so benissimo che non è così. Però al pari dei blog mi farebbe piacere sapere (non dico tutte) qualche fonte dei giornalisti.

By | 2007-10-22T11:14:42+00:00 October 22nd, 2007|Voice over Net, Web 2.0|5 Comments

About the Author:

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

5 Comments

  1. kit 23 October 2007 at 19:56 - Reply

    ricorda un casino studiln.it….come layout intendo….e poi non capisco proprio come si possa essere così contrari ai social networks

  2. gigicogo 24 October 2007 at 12:39 - Reply

    ti ho già aggiunto :-)

  3. […] Mentre molti si lamentano della scesa del loro Page Rank, l’indice di popolarità di un sito web ideato da Google, e ne preannunciano la sua morte, Microsoft si dà da fare ed acquista una parte di Facebook (l’1.6%) valutandola 240 milioni di dollari. Pensare che qualche giorno fa avevo solleticato gli amanti di Facebook segnalando Hatebook: mi sono chiesto quanto valesse tutto il “cucuzzaro” ma ho preferito non fare conti e limitarmi ad esempio alla lettura di eventuali cifre offerte per l’acquisto quali 1.5 miliardi di dollari per ottenere il 10%. Per ora la battaglia è vinta da Microsoft che ha superato Google nell’acquisizione del social network: Techcrunch ha addirittura dedicato un live blogging. Ed il Wall Street Journal parla di revenue e profitti altissimi da parte di Facebook. […]

  4. politicaduepuntozero » Blog Archive » Odi un politico? Dillo su Hatebook 10 November 2007 at 15:22 - Reply

    […] Per capire cosa è e come funziona, rimando a questo post di Dario Salvelli. […]

  5. […] Laden added you as a friend Read Comments  View blog reactions Tags – Parole Chiave:al qaeda, bin laden, facebook, facebook al qaeda hatebookPiù che un socialnetwork ed una rete di amici, Facebook sembra sia diventato un posto surreale, dove recrutare 007 o essere spiati da Al Qaeda. Già immagino l’avviso: “You have a friend request. Bin Laden” Secondo me sono più divertenti cose come Hatebook, almeno lì forse sono tutti più sinceri. […]

Leave A Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.