Voyeurismo "spicciolo"

Voyeurismo "spicciolo"

Sul sito web dell’Agenzia delle Entrate è possibile scoprire quanto guadagna (o meglio dichiara) ogni italiano, spulciando così nel reddito (dal 2006) del proprio amico o vicino di casa per finire poi ai VIP ed ai personaggi pubblici. C’è del lauto lavoro quindi anche per giornali come Novella 2000 e simili.
Mi chiedo però cosa pensi di tutto ciò il Garante della Privacy, se questa iniziativa pone qualche problema di riservatezza: a mio avviso così come siamo (o dovremmo essere) tutti uguali dinanzi alla legge lo stesso dovrebbe valere per il fisco, ovviamente sempre in funzione delle proprie condizioni economiche.

Intanto mentre scrivo il sito web non è più raggiungibile e pare sia tutto sospeso; è un’Italia di invidiosi o di guardoni dei conti altrui?
Grillo pensa che questa operazione favorirà i rapimenti ed i furti nelle ville, certo in fondo non ha tutti i torti però mi ha fatto venire in mente ciò che ha fatto qualche giorno fa Caludio Velardi, Assessore al Turismo e ai Beni Culturali della Campania.
Velardi ha reso disponibile a tutti sul suo blog il cedolino con l’indennità di assessore che percepisce ed il bonifico inoltrato alla Caritas. Certo un atto narcisista e presuntuoso ma forse per certi versi anche trasparente, andando ad esempio oltre la dichiarazione di quanto gli costa tenere aperto il suo blog, come ha fatto Bassolino. Sono casi isolati, Velardi è uno che crede di poter salvare il turismo utilizzando Google.

Comunque chissà se nell’enorme elenco del database pubblicato sul sito Web dall’Agenzia delle Entrate ci sono proprio tutti.

[UPDATE, 3 May]

Roberto mi segnala un post di Luca nel quale viene citata l’intervista all’ex garante Stefano Rodotà. Il servizio dei redditi pubblicati sul sito dell’Agenzia delle Entrate è stato infatti sospeso.

– Alessandro Longo segnala che comunque i redditi si sono già diffusi sui circuiti peer to peer nei quali è possibile recuperarli. Ottimo, io me li ero persi.

– Pier Luigi Tolardo scrive sulle pagine di Zeus News che il prossimo Governo Berlusconi potrebbe censurare i dati dei redditi che girano sui circuiti peer to peer come eMule. Non so se sia una sua personale congettura o ci siano delle voci fondate, resta il fatto che sarebbe un pessimo inizio.

Via [Corriere]

By | 2008-04-30T16:19:11+00:00 April 30th, 2008|Voice over Net|6 Comments

About the Author:

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

6 Comments

  1. Felter Roberto 30 April 2008 at 18:40 - Reply

    Stefano Rodotà, il precedente Garante della Privacy, in una intervista pubblicata su Repubblica, ( il link lo trovi sul blog di Luca Sartoni) in riferimento al discorso rapimenti ricorda:
    “i sequestri ci hanno insegnato che i rapitori sanno come informarsi, tantè che sono state sequestrate persone totalmente sconosciute al fisco”.
    Un errore dei sequestratori o del fisco? :D

  2. Felter Roberto 1 May 2008 at 18:23 - Reply

    Solo una precisazione: il garante ha chiesto la sospensione del servizio per avere il tempo di esprimere un parere, non perchè il servizio violasse la privacy.
    Questo significa che potrebbe riaprire presto.

  3. Dario Salvelli 2 May 2008 at 12:09 - Reply

    @Felter Roberto: Ciao Roberto, ti ringrazio per la segnalazione. Non credo comunque ci fosse bisogno della precisazione perchè ho scritto che il servizio è stato sospeso. Probabile che verrà ripreso: in ogni modo alcuni dati sono disponibili sui circuiti p2p.

  4. Novecento 2 May 2008 at 13:54 - Reply

    Io sono convinto che sia solo un giochino e che non abbia, o avrà se confermata la liceità della pubblicazione, alcun effetto nella lotta all’evasione fiscale.
    Del resto chi deve controllare ed a questo è deputato, ha sempre avuto la possibilità di consultare quei dati.

  5. […] Mezzogiorno – Cosa passa nei blog NAPOLI – La trasparenza è la parola d’ordine della rete. Non l’ha inventata Beppe Grillo; è la rete stessa che lascia imperituri segni di sé e che si alimenta e cresce sulla sua memoria. Tuttavia i blogger si sono divisi circa la recente pubblicazione dei redditi sul sito web dell’Agenzia delle entrate. C’è chi crede che la trasparenza sia un dovere, ed è il caso di un personaggio pubblico come l’assessore regionale al turismo Claudio Velardi che sul suo blog ha voluto pubblicare il cedolino del proprio stipendio ed allegato il bonifico intestato alla Caritas, cui l’assessore devolve la sua intera indennità. Ad interessarsi del caso sono stati molti blog ed ovviamente con segno diverso. Tra questi il casertano Dario Salvelli che a proposito del gesto di Velardi scrive: «Certo un atto narcisista e presuntuoso ma forse per certi versi anche trasparente, andando ad esempio oltre la dichiarazione di quanto gli costa tenere aperto il suo blog, come ha fatto Bassolino». Di trasparenza in trasparenza, molti sono stati i blogger che si sono chiesti quali siano i criteri in base ai quali l’ateneo Federico II finanzia le attività culturali delle associazioni studentesche. Teknosfera lamenta: «Il “Calendario delle Studentesse 2008″ ha ricevuto quasi 5.000 euro, con 40/45 di qualità e il massimo di interesse. Non c’è che dire, l’ateneo Federico II punta davvero sulla qualità culturale, mentre progetti come il portale Solunina e il giornale di facoltà sono stati trattati come spazzatura»; di altro tono invece è il commento di Dagored: «Sono in molti a ritenere che i soldi destinati a queste iniziative divertenti, ma prive di qualsiasi valore culturale, dovrebbero essere destinati ad altri progetti, mentre altri ne sostengono il valore e l’utilità. […]

  6. […] gli stipendi della Pubblica Amministrazione Italiana Read Comments  View blog reactions Tags – Parole Chiave:dipendenti pubblica amministrazione, renato brunetta stipendi dipendentipubbliciIl ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione, Brunetta, ha lanciato l’operazione trasparenza: attraverso il sito web del ministero è possibile consultare le retribuzioni dei dipendenti della Pubblica Amministrazione, circa 1100 dipendenti. Mancano ancora quelli del ministro e del suo staff di collaboratori. L’operazione è interessante perchè ci sono anche i tassi di assenza che consentono di ridurre finalmente gli sprecchi e lottare contro l’assenteismo. Sperando che stavolta il garante per la Privacy non metta i bastoni tre le ruote a me sembra un’iniziativa lodevole. […]

Leave A Comment