Tav,treni ad alta violenza

Non ho mai parlato su questo blog della questione Tav,dei disordini in Val di Susa,varie ed eventuali,ma prendo spunto da ciò che scrive Beppe Grillo sul suo Blog: a gennaio,precisamente l’8,verrà inaugurata ufficialmente la linea ad alta velocità Napoli-Roma,con la presenza anche di un individuo non meglio identificato come presidente del consiglio. Possibile che la differenza tra un Eurostar e il Tav sia così lieve ? Citando il blog del Beppe si possono risparmiare 11 minuti da Roma a Napoli in treno rispetto agli Eurostar: il giorno 22/12/2005 il primo treno ad alta velocità è partito da Roma ed è arrivato a Napoli in 1 ora e 35 minuti netti (sul sito ufficiale Tav dovrebbe esser 1 ora e 5 minuti) rispetto ai treni Eurostar che impiegano ben 1 ora e 46 minuti abbondanti per lo stesso percorso. Tra l’altro erano disponibili 1300 posti per viaggiare gratuitamente sul nuovo Tav,ma ovviamente saranno già finiti. Mi domando,ma questa è l’alta velocità ? In Giappone c’è la Shinkansen la rete ferroviaria giapponese su cui viaggiano i cosiddetti treni proiettile: la velocità massima inizialmente era intorno ai 200 km/h, poi si è via via elevata raggiungendo attualmente i 300 km/h,anche se mediamente è minore per problemi di sicurezza,e gli standard almeno di velocità sono simili a quelli usati nelle linee italiane. Mah,forse in Italia siamo più tartarughe degli altri..

By | 2005-12-26T14:26:03+00:00 December 26th, 2005|Varie|2 Comments

About the Author:

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

2 Comments

  1. ViaggiaTreno: new service by Trenitalia « Dario Salvelli’s Blog 13 October 2006 at 12:36 - Reply

    […] Interesting this new web service by Trenitalia: ViaggiaTreno informs about the trend of the national and regional traffic, allowing the visualization of the delays of the trains. And possible pay attention also the single train with the TrenOnLine function which provides all the necessary data to identify the convoy, the reached stations, the relative delay. The website is principally realized in Flash and consists in a map of Italy in which the trains which circulate on the Trenitalia railways, with the possibility of making a search by also a few filters are shown with different colour trunks. It astonishes in what for who does not have a Pc and wants to consult via Palm or mobile phone, there is a version for mobile devices to the address: http://mobile.viaggiatreno.it. To notice that the delays lower than the 15 minutes are marked by the site as regular (could wait for it): in up of the accounts are not at all in Spain as a href=”http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%255E1068528,00.html” target=”new”>documented by Report on some Sunday he does, there for only 5 minutes late the whole bought ticket is refunded. All that already happened there since 1996 while here the refund is with a bonus of 50% if the 26 minutes are exceeded; without expecting that the high speed in Spain has been already reality since 1992, what end has done the polemics about the Val di Susa? He will want to say that later have written (uselessly) a webmail to Gentiloni will make itself with the minister Antonio Di Pietro. […]

  2. Le tariffe aumentano: ed il servizio ? « Dario Salvelli’s Blog 17 November 2006 at 15:00 - Reply

    […] Chi mi legge conosce quanto sia affezionato al mondo dei Treni, se non altro perchè mi capita spesso di salire sui vagoni (purtroppo) di Trenitalia: diverse volte ho parlato del servizio offerto dall’azienda Italiana. Dalla questione dei Tav, che risparmiavano pochi minuti rispetto alla tradizionale linea,al servizio ViaggiaTreno che tiene informati gli utenti sui ritardi dei treni, alla disavventura della Notte Bianca a Napoli. Scrissi ed ebbi un (ahimè) sintetico scambio con il ministro Di Pietro via mail, mi lamentavo non solo della qualità del servizio (treni affollati e mal gestiti, linee e vagoni tecnologicamente non all’avanguardia, ritardi cronici) ma anche della sicurezza nelle stazioni e sulle vetture: ed io cosa leggo su Repubblica ? “Un aumento delle tariffe che non hanno una convenzione con lo Stato e gli enti locali, dunque gli Eurostar ed alcuni Intercity. “: queste le parole di Innocenzo Cipolletta, presidente di Trenitalia, azienda in crisi con un bilancio deficitario, con un disavanzo pari a circa 2 miliardi di euro. Cipolletta conosce certamente meglio di me e di tutti voi il quadro di Trenitalia, è davvero questa l’unica soluzione per gestire questa situazione ? Vi invito a cercare le tariffe dei Paesi del resto d’Europa ed a fornirmi nei commenti un feeback sulla qualità del servizio all’estero: dello scenario Spagnolo ho già parlato ad esempio qui, ritardi inferiori a 5 minuti, in caso contrario c’è l’intero rimborso del biglietto. […]

Leave A Comment