Stanchi dei soliti BarCamp? C’è RoyalCamp

Stanchi dei soliti BarCamp? C’è RoyalCamp

Come sai da questo post di presentazione sto cercando di realizzare il RoyalCamp, uno dei primi veri BarCamp del Sud Italia.
Già il fatto di dover organizzare qualcosa alla quale non sono mai stato presente mi mette alla prova e mi spinge a fare del mio meglio per realizzare qualcosa di gradevole ed unico.
A che punto siamo? Il problema principale è ottenere le autorizzazioni per la particolare location.
Ieri c’è stata un’interessante riunione con alcune associazioni protagoniste della realtà in cui mi trovo, come Hacklab e Casertamusica: da queste collaborazioni potrebbe nascere un evento unico nel suo genere che porti anche un pubblico non esperto al RoyalCamp.
Mi sono accorto che incontri come OpenCamp rischiano di diventare un posto per pochi eletti, per gli addetti ai lavori e gli esperti: proprio il contrario del significato di open source, che vuol dire aprirsi e divulgare il più possibile, verso tutti.
E’ per questo motivo che ti vorrei chiedere: sto cercando di creare nel probabile programma del RoyalCAmp un midway tra una non confence classica e pochissimi interventi già stabiliti a priori di grandi personaggi dell’Internet italiano.
Vorrei conoscere da te – scrivi a ruota libera nei commenti a questo post o sul Wiki – quali sono gli argomenti che vorresti affrontassimo e le persone che vorresti ascoltare e con le quali discutere. Sono tutt’orecchie.

[UPDATE] Ci sono buone news, leggile qui e tieniti aggiornato.

By | 2013-01-18T20:36:23+00:00 April 18th, 2007|Voice over Net|17 Comments

About the Author:

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

17 Comments

  1. Roberto Galoppini 18 April 2007 at 16:45 - Reply

    Concordo pienamente con le tue riflessioni, è fondamentale che l’open, od il free che dir si voglia, arrivi anche alle orecchie e alle tastiere di chi non è un linuxaro..
    Ritengo che nel suo piccolo l’esperienza opencamp abbia portato un importante contributo: far incontrare i soliti noti con chi si occupa di comunicazione e marketing. La proposta che ha lanciato Robin Good, di un open alla portata di tutti, anche della casalinga di Voghera, mi sembra interessante, sono certo che alcuni di noi raccoglieranno la sfida..

  2. Andrea Martines 18 April 2007 at 17:47 - Reply

    Dario, l’affinità dei nostri percorsi sinapsici ormai sta sfiorando il ridicolo.
    Proprio a Roberto (che mi è testimone) stavo dicendo, all’OpenCamp, che dovremmo studiare una forma di conference come una conversazione che leghi la presentazione a un prima e a un dopo (anche per riuscire a capire cosa vuole sentire il pubblico che sarà presente, mettendoci in grado di ottimizzare l’intervento in base al target).
    Vedo nei prossimi giorni di buttar giù qualche idea, così ne valutiamo la fattibilità.

  3. Dario Salvelli 18 April 2007 at 20:24 - Reply

    @Roberto e Andrea: Vi ringrazio per gli interventi,non sapete quanto mi fanno piacere. E’ consuetudine Andrea ormai trovare automaticamente (e senza scambi di idee) tra noi affinità comuni di intenti!
    Se alcuni di voi raccolgono la sfida di cui Roberto parla e buttano giù qualche idea prometto di integrarla e presentarla in maniera più completa possibile nel nuovo evento che sto cercando di organizzare. Vada per le non conference ma che non siano fini a se stesse: il post precedente è su una riga simile.

  4. Davide 18 April 2007 at 21:11 - Reply

    “pochissimi interventi già stabiliti a priori di grandi personaggi dell’Internet italiano”…sicuramente invoglierebbe molte persone a partecipare.Il problema è che la maggiorparte di questi “personaggi” si trova al nord!Cmq continua cosi’,non è giusto che l’unico evento al sud sia stato la Trinacria Blogger Dinner!!!

  5. Un BarCamp nella Reggia di Caserta? Ecco il RoyalCamp! | MondoBlog 19 April 2007 at 10:27 - Reply

    […] Gli ultimi aggiornamenti dal blog di Dario Salvelli […]

  6. Dario Salvelli 19 April 2007 at 13:29 - Reply

    @Davide: E’ vero hai ragione,ma cercheremo di coinvolgerli il più possibile. Se mai si comincia a spostare almeno le idee anche al Sud..

  7. gpessia 19 April 2007 at 13:36 - Reply

    magari…

  8. Daniele Salamina 19 April 2007 at 14:22 - Reply

    Forse nel periodo di Settembre potrei esserci anche io (se siamo intorno al 15). Niente di sicuro…

  9. francesca 19 April 2007 at 22:34 - Reply

    In bocca al lupo e buon lavoro!:)

  10. flounder 20 April 2007 at 10:39 - Reply

    oh bella, mica lo sapevo.
    io non sono tanto pratica ed esperta di questi barcamp, ma il 12 maggio vado a quello di Torino, che si occupa di scritture e rete dei segni.
    vado a vedere come è fatto, come si fa, che si fa.
    poi torno e te lo dico tutto.
    e se posso fare qualcosa anche su questo qua, volentieri.

  11. Dario Salvelli 20 April 2007 at 11:02 - Reply

    @Francesca: Ti ringrazio,seguici !! :)

    @flounder: Ottimo,parli forse della fiera del libro. ;) In ogni modo puoi dire ciò che vuoi usando il blog,i contatti ed il Wiki di riferimento per il RoyalCamp. Grazie.

  12. flounder 20 April 2007 at 12:00 - Reply

    ma no che non parlo della fiera del libro.
    parlo di questo: http://barcamp.org/LitCamp

    vado in quanto membro di redazione di Buràn
    (www.buran.it), una rivista letteraria nata da poco che traduce blogger di tutto il mondo

  13. Dario Salvelli 20 April 2007 at 14:34 - Reply

    @flounder: Si,conosco Buran,almeno di nome. Perdonami ho fatto confunsione,non pensavo ti riferissi al LitCamp. :)

  14. […] Se mi vedi scrivere meno cose (interessanti e forse brillanti) è perchè la follìa di realizzare il RoyalCamp come il più importante e rilevante BarCamp del Sud Italia sta impegnando gran parte del mio tempo libero. Oltre a seguire le news sul Wiki attuale puoi notare gli aggiornamenti del RoyalCamp anche su Twitter seguendo questo account: http://twitter.com/RoyalCamp Questo post ti vuole aggiornare sullo stato attuale delle cose: martedì 26 c’è stato un interessante incontro con la Provincia di Caserta che con molta probabilità darà il suo Patrocinio e riconoscimento ufficiale all’evento. Non è escluso l’appoggio in termini di ricerca di sponsor: in tal senso c’è già stato un incontro con la società Filìa già promotrice di Menti a Contatto. Il problema principale ora rimane quello delle autorizzazioni: il giorno 4 maggio ho un incontro con la Direzione Scientifica del complesso vanvitelliano – rappresentata nello specifico dalla dott.ssa Giovanna Petrenga – per esporre il progetto del RoyalCamp. Questo BarCamp sarà un po diverso dagli altri nel senso che “purtroppo” dovremo prevedere almeno 3, massimo 4 panel (di brevissima durata, 15 minuti credo) di importanti esperti, fissati già a priori: sia chiaro rimane sempre una “non confernce” ma per saltare delle chiusure mentali su iniziative così aperte è necessario prevedere alcuni tematiche. Li puoi comunque suggerire qui o sul Wiki. […]

  15. Piergiorgio 27 April 2007 at 16:45 - Reply

    Gentile Dario Salvelli, è un po’ affrettato dire che in SUD Italia non ci sono esperienze CAMP… per l’importanza lascia giudicare alle persone.
    Ti indico un wiki che ho appena scoperto e si riferisce a una manifestazione vicinissima alla mia regione (Puglia) in un luogo altrettanto incantevole (patrimonio dell’Umanità): i Sassi di Matera in Basilicata.
    http://barcamp.org/BarCampMatera

  16. Dario Salvelli 27 April 2007 at 17:42 - Reply

    @Piergiorgio: Parli di un BarCamp che si deve ancora effettuare: sono a conoscenza benissimo del Camp di Matera e non sai quanto mi fa piacere che anche lì ce ne sia uno. Il luogo è bellissimo anche se non l’ho mai vistato e sono certo sarà anche questa un esperienza unica: il camp che ho proposto forse è più facilmente raggiungibile via treno da un po tutte le parti.
    Per seguire quelli di tutta Italia visita il sito: http://www.barcampitalia.org

  17. […] Come da titolo la mia speranza è che queste non diventino pure illusioni, utopìe rimaste nella mente di pochi: Andrea Rodriguez allo ZenaCamp presentava WiMAX Libero, un sito web che raccoglie risorse ed una petizione per il diritto d’accesso alla Tecnologia. Purtroppo su Slideshare non sono riuscito a trovare la presentazione di Rodriguez ma OneMobile ha già affrontato tempo fa il problema: tra qualche mese ci saranno le frequenze d’assegnazione del WiMAX, la speranza è che non vengano destinate tutte ad usi commerciali ma che almeno una parte venga a priori dichiarata per libero uso senza fini di lucro. A Stefano ed agli altri esperti pareri più critici e previsioni per uno scenario futuro che non vedo molto roseo. La querelle dell’open source da utilizzare nella Pubblica Amministrazione è abbastanza vecchia tanto che periodicamente esce fuori anche se con voci strozzate: in questo post sul RoyalCamp e in quello di Nicola si discuteva ad esempio su cosa possono fare gli eventi per coinvolgere anche le persone che ancora ne sanno davvero poco di questo settore, quelle escluse, quelle che non conoscono Firefox e software simili. La questione viene nuovamente aperta dall’associazione Software Libero che in questo post spiega la situazione della pubblica amministrazione indicando un protocollo d’intesa tra il Governo Italiano e la Microsoft per dei Centri d’Innovazione: lascio a voi eventuali giudizi, personalmente sono stanco di assistere a sprechi e a sterili petizioni. E’ arrivato il momento di darsi da fare, veramente. […]

Leave A Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.