Non dire Gattopardo finchè non l’hai nel sacco

Non dire Gattopardo finchè non l’hai nel sacco

Silvio Berlusconi secondo gli ultimi dati di Forbes non è uno degli uomini più ricchi di Italia: lo precedono nella classifica mondiale al 68esimo posto Michele Ferrero e di seguito anche Leonardo Del Vecchio. Per questo secondo alcuni dopo aver curato nei precedenti governi i suoi interessi ora potrebbe essere l’uomo delle riforme o da un’altra parte puntare ad una scalata alla Presidenza della Repubblica. Tutto fuorchè fare gli interessi del Paese.

E’ da leggere con curiosità questo articolo di The Economist che cita un pò a malo modo un passo de “Il Gattopardo”, il grande romanzo siciliano di Giuseppe Tomasi di Lampedusa: “everything must change so that everything can stay the same” ovvero “tutto deve cambiare in modo che tutto può rimanere lo stesso“.

L’Economist è praticamente convinto che le elezioni del 2008 vengano vinte da Berlusconi tanto che lo attacca in maniera pesante definendolo inadatto a condurre una democrazia moderna, non idoneo a guidare il Pease perchè ancora cratterizzato da grandi conflitti di interesse (e qui cita le recenti considerazioni della Corte Europea di Giustizia sulla concorrenza in Italia riguardo la radiodiffusione), perennemente occupato nel modificare le leggi a proprio favore.

L’idea che l’Economist ha degli italiani è quella di un popolo incapace di risollevarsi e decidere, di una massa di creduloni ed ingenui: lo dimostra la chiusura finale dell’articolo nel quale in maniera per nulla velata un giornale straniero così potente invita gli Italiani a votare Walter Veltroni. – Dovrebbero votare lui invece che Berlusconi – affermano.
Sono sicuro che gli Italiani non hanno bisogno di consigli ed anche questa volta sceglieranno chi secondo loro è più in grado di governare l’Italia. Mi rivolgo a quelli dell’Economist modificando una citazione di Trapattoni: “non dire Gattopardo finchè non l’hai nel sacco“.

By | 2008-04-06T12:13:26+00:00 April 6th, 2008|Voice over Net|4 Comments

About the Author:

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

4 Comments

  1. Dario Salvelli 6 April 2008 at 14:19 - Reply

    @Attilio Viscido: Anche io tendenzialmente sarei d’accordo con l’Economist ma voglio essere ottimista e, almeno per una volta, potermi stupire.

  2. Attilio Viscido (artgatt) 6 April 2008 at 13:40 - Reply

    Io invece concordo in pieno con l’Economist. Siamo un popolo disgregato, disunito e disonesto. Ogniuno di noi nel suo piccolo fa orecchi da mercante quando gli fa comodo.

    Dovremmo davvero darci una smossa.

  3. […] Sono tutti temi dei quali non ho sentito proposte concrete e convincenti in questa campagna elettorale, dunque se volessi votare non saprei proprio dove mettere la crocetta. La speranza è che alla fine non abbia ragione l’Economist e che l’Italia non sia (solo) quella dei fan accaniti che vengono insultati da Berlusconi come a Chieti. Domani alle ore 21 nella trasmissione Matrix c’è l’incontro televisivo tra Berlusconi e Veltroni: alcuni blogger si stanno già organizzando per seguire e commentare in diretta su Internet l’evento. Fabio Giglietto invece ha realizzato Italian Elections Twitter Map 2.0, una mappa (sopra ne vedete una schermata) che usando i dati delle persone iscritte a Twitter ed il servizio Yahoo Pipes, ci mostra come vivono in queste ore gli Italiani di tutto il mondo l’attesa delle elezioni politiche. […]

  4. […] La copertina della versione europea dell’Economist è tutto un programma così come l’articolo dal titolo “Mamma mia“. In fin dei conti, sugli italiani, avevano ragione loro: hanno abbracciato ancora una volta Berlusconi. L’Economist è preoccupato per l’Italia per due ragioni: la prima è perchè Berlusconi nel passato non ha gestito bene la pubblica finanza. La seconda è che Tremonti è fortemente convinto che la globalizzazione sia stato uno dei grossi problemi dell’Italia. […]

Leave A Comment