Italia vs Svezia: 1-10

Italia vs Svezia: 1-10

Riguardo il misterioso blocco su alcuni provider italiani di The Pirate Bay, Alessandro Longo dice di aver letto nel provvedimento i nomi degli indagati. Sono i gestori di The Pirate Bay: che novità! E poi, valli ad arrestare e tracciare tutti gli utenti che condividono i torrent.

Intanto pure Minotti parla di creatività giudiziaria. Non so proprio che pensare.
Non voglio essere esterofilo ma in altre parti del mondo anche gli imprenditori sono più avanti e cercano di evitare un approccio così ottuso alla pirateria perchè è il peggiore modo per combatterla.
Secondo te il magistrato ha una copia pirata di Office e Winzip? E la figlia da dove scarica gli MP3, li acquista regolarmente da iTunes? Se solo conoscessero veramente la fiera del download

[UPDATE]

– Mi ero perso questo buon articolo di Longo su Repubblica.

– Peter, uno degli ideatori di The Pirate Bay, conosciuto come brokep, ha un post dal titolo abbastanza simile. Dice che questa storia non ha fatto altro che aumentare il traffico su The Pirate Bay.

– Matteo Flora e lo stesso Peter di The Pirate Bay segnalano che i DNS che puntano al provvedimento fanno parte di Pro-music.org, un’alleanza tra major e discografici presente in UK. Stanno tracciando gli utenti italiani? Il fatto è comunque grave poichè il sequestro preventivo è stato attuato dalla guardia di finanza.

By | 2008-08-13T20:31:26+00:00 August 13th, 2008|Voice over Net|3 Comments

About the Author:

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

3 Comments

  1. Tottero 14 August 2008 at 09:09 - Reply

    Office no, ma su winzip potresti aver colto nel segno ;-)

  2. Daniele Minotti 15 August 2008 at 01:05 - Reply

    OT
    Chiedo scusa per l’uso privato del mezzo pubblico.
    Grazie per le citazioni, ma… ti cerco su Skype, via email, altri recapiti non ho. Mi rispondi? ;-)

  3. […] Torno sulla vicenda di The Pirate Bay per segnalare il testo del provvedimento del GIP di Bergamo: […]

Leave A Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.