In Italia Internet non abbatte le classi sociali. Non ancora.

Credi che Internet sia l’unico media e strumento in Italia che sia stato capace di ridurre le differenze sociali? Ti sbagli.

Sembrerebbe una banalità ma secondo l’ISTAT, che ha condotto l’indagine “Aspetti della vita quotidiana“, i beni tecnologici più diffusi sono il televisore presente nel 96,1% delle famiglie italiane ed il cellulare (90,7%).
Seguono il lettore DVD (63,3%), il videoregistratore (55,7%), il personal computer (54,3%) e l’accesso ad Internet (47,3%):

istat italia vita quotidiana tecnologie

Secondo lo studio le famiglie con almeno un minorenne possiedono il personal computer e l’accesso ad Internet rispettivamente nel 79% e nel 68,1% dei casi.
L’aspetto più interessante dell’indagine dell’ISTAT è quello sul divario sociale: l’86,2% delle famiglie con capofamiglia dirigente, imprenditore o libero professionista possiede il personal computer, il 78,6% l’accesso a Internet, il 61,8% la connessione a banda larga e l’antenna parabolica. Il possesso del cellulare ha superato quello del televisore in quasi tutte le famiglie tranne in quelle in cui il capofamiglia risulta non occupato. Continue reading