Bing Bang

Il valore dei link è cambiato, non è più fatto da software ma dagli utenti e dunque ha acquistato un peso sociale diverso. Per questo ci si chiede quanto vale condividere sui social network e ci si interroga sulla SEO di Facebook e su come misurarlo.

Non è solo questione di celhopiùnghismo ma di ottimizzare meglio i motori di ricerca senza ucciderli: dal Big Blog Bang al motore di ricerca Bing di Microsoft che si è accordato con Facebook il passo è stato brevissimo.

Bing aggiunge la social search (per ora solo negli Usa) con informazioni provenienti da Facebook e che non sono indicizzate da Google e da nessun altro motore. Una parte del web preziosa si unisce a quella di Facebook Places, i luoghi visitati dalle persone.

Tutto ciò forma dei contenuti più interessanti da cercare con raccomandazioni formulate involontariamente (spontaneità=maggiore fiducia?) dai propri amici di Facebook.
Ad esempio Bing alle ricerche connesse ai viaggi genera una applicazione per la ricerca e la prenotazione di voli e alloggio che sorvola qualsiasi intermediario e rende agli utenti più facile approfittare di un’offerta o un lastminute senza perdersi nella pubblicità.

Trackback che ci riguardano e che sono affini con ciò che cerchiamo. Non lo so se è questo il futuro della ricerca, se basta sputare i contenuti dei social network sui search engine per renderli migliori, più interessanti ed efficienti. Per alcune ricerche è più veloce e performante uno status di Facebook o un tweet di Twitter? E’ meglio rispondere a questo post con un altro post su di un blog o commentarlo su Facebook, Friendfeed, Twitter, Tumblr?

Facebook e Bing per un motore di ricerca sociale

Sto seguendo il live in cui Bing annuncia alcune integrazioni con Facebook. In sostanza sul motore di ricerca di Microsoft vengono integrate le informazioni di Facebook e il tuo cerchio sociale: la ricerca diventa quindi una social search (dalla quale puoi addirittura inviare SMS) e la personalizzazione istantanea di Facebook finisce su Bing.

Organizzare le informazioni attorno alle persone: l’utente fa una ricerca e ottiene dei risultati organizzati in base alle preferenze, agli interessi dei propri amici di Facebook. Verranno conteggiati anche i like, i “mi piace” e i check-in dei tuoi amici.
Inoltre se cerchi una persona, Bing si baserà sulla rilevanza e sulle relazioni di Facebook che hai con quella persona, magari indirettamente attraverso i tuoi amici: potrai aggiungerla direttamente.

La mia impressione, anche se devo ancora usare Bing, è che Microsoft voglia usare Facebook (d’altronde ne ha acquistato una parte) per far perdere terreno a Google e sfruttare alcuni dati di Facebook tra cui i contenuti sociali. Inserire nelle SERP informazioni relative al cerchio sociale mi serve veramente? A me interessa cercare la cosa giusta ed è per quello che uso Google e non un altro motore.

Quando i contenuti partiranno prima da Facebook allora Bing avrà una corsia preferenziale. Se Facebook non è bravo a sviluppare un buon motore di ricerca e intende usare la tecnologia di Bing non voglio dargli in pasto più informazioni di quante non ne raccolga già adesso e di quante non ne conosca Google. Altrimenti diventiamo veramente tutti dei coefficienti da vendere alla SERP più conveniente.

Yahoo è morto, viva Yahoo!

Due anni fa scrivevo che alla fine resteranno solo due motori di ricerca. Provate a fare una ricerca su Yahoo.com e andate a fondo pagina come ho fatto io qui sopra: notate qualcosa?

Come motore di ricerca Yahoo è morto: da qualche giorno infatti tutti i risultati provenienti da Yahoo sono quelli di Bing.
Sembra l’inizio di una nuova era e invece è una sconfitta pesante perchè pare che per ora nonostante l’avanzata di Facebook resterà solo Google a comandare lo scettro del settore search engine. Yahoo forse continuerà a fare B2C sui mobile phone offrendo una ricerca personalizzata sul mobile agli inserzionisti ma immagino che anche questo settore verrà inglobato da Bing.

Per quanto possa valere la classifica dei siti più visitati di Alexa ci dice che YouTube ha scavalcato proprio Yahoo al terzo posto e che Bing è al 22 esimo. Vedremo nei prossimi mesi come si evolve.