Una firma non basta per fermare la pena di morte

E’ che io trovo proprio disumano che esista ancora la pena di morte in qualsiasi Paese e con qualunque regime, religione.
E’ il caso anche del giornalista afghano Sayed Pervez condannato a morte per aver scritto un articolo ritenuto blasfemo da un tribunale locale in Afghanistan: Perez avrebbe scritto che “il diritto delle donne ad avere più mariti così come, secondo il Corano, un uomo può sposare fino a quattro donne“. Come dice Repubblica invece probabilmemente avrebbe scaricato da Internet un testo vietato.

Insomma non si conosce quale sia la verità come spesso capita da quelle parti ma io vi invito a firmare questo appello per cercare di salvare il giornalista: qualunque cosa abbia scritto Perez trovo assurdo usare la pena capitale, così come in parte non la condividevo con Saddam Hussein.

Invece che girare per le Università è anche in queste circostanze che – seppure possa farci poco e non debba ingerire o tirare in ballo guerre sante – dovrebbe farsi sentire Papa Ratzinger, se non altro da un punto di vista squisitamente umano.

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me