Terrorismo cheek to cheek su Twitter

Hai mai pensato: e se i social network come Facebook e tutti quei nuovi servizi che ormai popolano la Rete fossero usati per scopi malevoli?
In questo caso è scattato un allarme che riguarda Twitter ed altre applicazioni. Secondo US Army Twitter sarebbe uno strumento perfetto per i terroristi:

The report outlined scenarios in which militants could make use of Twitter, combined with such programs as Google Maps or cell phone pictures or video, to carry out an ambush or detonate explosives.

Ce li vedi tu questi a smanettare con i messaggi diretti di Twitter, a controllare affannosamente i replies, usare google maps per scambiarsi informazioni sul luogo per un attentato, inviarsi video o foto delle armi. Forse è tutto un po’ esagerato ma in fondo non molto lontano dalla realtà.

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

2 thoughts on “Terrorismo cheek to cheek su Twitter”

  1. Lo strumento perfetto per un terrorista non è la tecnologia, ma la sua assenza. Quindi immagino che la usi solo per stabilire i contatti e le linee guida per l’attentato, e poi prosegua lontano da computer, cellulari e palmari.

  2. @Marco: Già, d’altronde Twitter o un altro strumento l’importante è raggiungere lo scopo. Sono d’accordo con te che si usi la tecnologia come andare al “fast food”. ;)

Comments are closed.