Tango argentino e milonga

In una pasquetta (cos� la chiamano gli amanti delle abitudini) un po solitaria mi trovo a parlare qui di Tango argentino e di milonga: questo perch� innata � la mia passione per questi generi musicali e perch� nel mentre navigavo in rete son passato per un ottimo podcast,quello di da capo al fine e con precisione l’intervista con Hugo Aisemberg. Non tutti sanno che nella citt� in cui abito (Caserta) c’� un buon movimento di Tango argentino,con un associazione CaserTango che organizza sia corsi per chi vuole imparare a ballare,che feste,le cosiddette milongas. Per chi � appassionato,ma anche chi vuole fare da semplice spettatore,consiglio questo tipo di musica molto affascinante e coinvolgente: un trionfo di passione e romanticismo vi avvolger� inevitabilmente,anche se inciampate tra un passo e l’altro.

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

2 thoughts on “Tango argentino e milonga”

  1. Sono dalla terra dal Tango, nato qui, ma anche italiano per sangue e scelta, sono stato in Italia, purtroppo non in Caserta, non conoscevo che lá piacciono dalla nostra musica. Qui la musica italiana e assai conosciuta e sentita pure.

    Vi consiglio sentire e ballare il Vero Tango, quello che fanno musicisti argentini, chi sono cose americane dal genere che suonano a schiffo.

    É una danza bella e sensuale, e non dificile d´imparare, almeno per cominciare, quasi e come caminare, vi asicuro.

    Se potete, fate tradurre le parole: di solito valgono di piú che la musica: é poesia e parla di cose quasi sempre tristi, ma che sono valiose sperienze di vita.

    Alcuni nomi (di uomini notabili, non canzoni): Carlos Gardel, Discepolo, el “Polaco” Goyeneche, Edmundo Rivero, Catulo Castillo, Homero Manzi, Fresedo, Armando Pontier, Osvaldo Pugliese, Anibal Troilo, Julio de Caro, Horacio Salgán, Juanjo Dominguez, Rufino, Tita Merello, Laborde, Podestá, Leopoldo Federico, Mederos, Cacho Castaña, Horacio Ferrer, Alberto Marino, Sexteto Mayor, Alfredo Le Pera, Celedonio Flores, Homero Expósito, Pascual Contursi; se volete un sub-genere esperimentale di fusione piu moderno e bello: Mariano Mores, e per me il migliore nel suo stile: Astor Piazzolla, peccato che non metto molti, e l´elenco puó continuare infinitamente…

    Pochisime canzoni da consigliare: Mi Noche Triste -il primo tango-canzone cantato da Gardel mai registrato- La cumparsita, El choclo, Mano a Mano, Afiches, El entrerriano, Quejas de bandoneón, A fuego lento, La yumba, Uno, Milongueando en el ’40, Danzarín, Verano porteño, Adiós nonino, ecc.

    Ballerini: Benito Bianquet, Casimiro Ain y Tito Lusiardo, Juan Carlos Copes y María Nieves, Nélida y Nelson, Gloria y Eduardo, Mayoral y Elsa María, Virulazo y Elvira, María y Carlos Rivarola y los Dinzel.

    “… el Tango / tiene olor a vida / tiene gusto a muerte…”

    “… il Tango / ha odore di vita / ha sapore di morte…”

    Che vi serva, godételo, Salutti da Buenos Aires, Argentina !!!

Comments are closed.