Vasco Rossi fa chiudere Nonciclopedia

Se Vasco Rossi si fosse fermato soltanto al nome Nonciclopedia probabilmente avrebbe fatto di meglio: da oggi Nonciclopedia, non enciclopedia che dispensava satira è costretta a chiudere a causa di una denuncia di Vasco al quale non è piaciuta la pagina (vai in fondo al post per leggerla) a lui dedicata. Qui c’è tutta la storia: Continue reading “Vasco Rossi fa chiudere Nonciclopedia”

Quel tiranno dell’algoritmo di Google

Cercare “Vatican” su Google e ritrovarsi siti che riguardano la pedofilia ed il sesso è solo uno degli esempi in cui l’algoritmo di un motore fa cilecca. Gli ingegneri di Google agiscono sull’algoritmo un centinaio di volte l’anno (questo dovrebbe essere uno dei tanti) ed hanno un potere enorme sulla gestione delle tue pagine web.
L’impatto dell’algoritmo di Google sull’economia di Internet è forte, non a caso l’antitrust ha richiamato diverse volte l’azienda di Mountain View per pratica scorretta nei confronti dei concorrenti in quanto ha favorito i propri servizi e per diverse storie di brevetti.

D’altronde Google ha sempre puntato solo a migliorare la qualità dei propri risultati di ricerca senza nessun aiuto a sviluppare il business dei concorrenti. Rimane da sempre un mistero come sia possibile valutare e favorire un sito web invece che un altro: forzare la pubblicazione dell’algoritmo da parte di Google lo distruggerebbe come motore di ricerca mentre chiedere che ogni aggiornamento passi sotto gli occhi degli organismi di controllo ne rallenterebbero e limiterebbero la crescita.

Google sta cercando di sistemare i risultati per la parola “Vatican” solo in seguito a segnalazioni ed articoli usciti sui media e sembra riuscirci male:

Se Google vuole essere ancora l’autostrada nella quale viaggiano le informazioni più importanti allora deve adeguarsi e cambiare, forse anche aprirsi. Quanto è importante essere sempre alla ricerca di alternative: una di queste è DuckDuckGo e spero di parlartene presto.

Google rischia grosso: se alla fine il Web diventasse un enorme archivio di Wiki con un motore di ricerca indipendente e non commerciale?

WikiDeep: il motore di ricerca dei Wiki



Andrea Santagata di Liquida stamattina mi ha segnalato WikiDeep, un motore di ricerca che indicizza i contenuti dei vari Wiki presenti in Rete: in questo modo vengono aggregati e raffinati i risultati di ricerca dei documenti (anche foto, notizie, libri) collaborativi.

Per ora WikiDeep indicizza tutti i contenuti provenienti da Wikipedia, Wikinotizie, Wikibooks, Wikiquote, in lingua italiana ma l’obiettivo che hanno è quello di estendere a tutti i Wiki presenti su Internet. I dati vengono continuamente aggiornati proprio come nella filosofia collaborativa dei wiki.
Il motore è abbastanza veloce, ben organizzato, ogni risultato ha dei suoi tag ed un filtro per tipo e categoria. WikiDeep può essere usato per ora a mio avviso come alternativa al motore di Wikipedia spesso lento causa eccessivo traffico.

Se hai un Wiki forse è il caso di segnalarlo su WikiDeep così è più facile trovarti.

Riposino in pace: un wiki per le aziende in crisi

Senza creare allarmismi o ripetere l’odiosa parola “crisi” voglio segnalare questa lista di aziende avviate alla chiusura in Italia: nessuna regione è esclusa, dal Nord al Sud molte hanno profonde radici nel territorio perchè hanno disegnato una parte di storia della piccola-media impresa, quella che tiene a galla il nostro PIL.

Sarebbe bello se qualcuno tenesse su almeno un wiki (diviso per regioni) che tenga conto di tutte le realtà lavorative in grossa difficoltà e prossime alla chiusura. Lo facciamo?