Status Poll

Bella l’idea del mio amico Giulio: mettere ai voti i migliori status (aggiornamenti) di Facebook e Twitter e in giro nei social network come fossero dei virus-viral-social battute (chiamatele come vi pare) di Spinoza che si diffondono.

In questi giorni ne girano almeno due (nei commenti sbizarritevi con le segnalazioni):

– Verranno a prendere le vostre figlie…
– Una mignotta li seppellirà. Italianiii, votate!

Twitter e Facebook influenzano la SEO: parola di Google e Bing

Facebook e Twitter influenzerebbero la SEO, l’indicizzamento e il posizionamento dei siti web su Google e Bing. I “like” (“mi piace”) ed i “tweet/retweet” sostituiranno completamente i link?

Se ne volete sapere di più Tagliaerbe ha tradotto le risposte di Google e Bing alle domande di Danny Sullivan di SEOmoz:

1. Se un articolo è retweettato o citato parecchio in Twitter, considerate ciò come un segnale per trovare tutti i link nofollow che possono naturalmente derivare da esso?

Bing: Abbiamo bisogno di guardare l’autorevolezza dell’utente. Guardiamo quante persone segue, quante lo seguono, e ciò può aggiungere un po’ di “peso” ai normali risultati della ricerca. Ha un peso molto maggiore in Bing Social Search, dove i tweet di persone autorevoli vengono posizionati in alto, quando osserviamo una miglior pertinenza.

Google: Si, lo utilizziamo come segnale. E’ usato come segnale sia nella ricerca organica che nel rank delle news. Lo usiamo anche per migliorare le nostre news a livello globale prendendo nota del numero di persone che hanno condiviso un articolo.

2. Quando cercate di calcolare l’autorevolezza di qualcuno che tweetta, ed è associato ad una determinata pagina di Twitter, cercate anche di “conoscere” chi realmente è?

Bing: Si, calcoliamo l’autorevolezza di chi tweetta. Per noti personaggi pubblici o editori, creiamo l’associazione fra i tweet e la persona.

Google: Si, facciamo questo calcolo e usiamo la qualità dell’autore. Non conosciamo chi sono tutti nella vita reale

3. Calcolate se un link deve avere più peso a seconda della persona che lo tweetta?

Bing: Si.

Google: Si, lo utilizziamo come segnale, in special modo nella sezione “Top links” di Google Realtime Search. L’autorità dell’autore è indipendente dal PageRank, ed è attualmente utilizzata solo in alcuni casi nelle normali ricerche web.

4. Tenete traccia dei link condivisi all’interno di Facebook? Sia quelli sulle Bacheche che quelli sulle Fan Page?

Bing: Si, guardiamo i link condivisi che sono contrassegnati con “Everyone”, e anche i link condivisi sulle Fan Page.

Google: Trattiamo i link condivisi sulle Fan Page di Facebook come i link condivisi in Twitter. Non abbiamo dati presi dalle Bacheche di Facebook.

5. Calcolate l’autorevolezza di qualcuno su Facebook? Sia attraverso le Pagine Personali che le Fan Page?

Bing: No, non lo facciamo. Da Facebook prendiamo solo ciò che è pubblico, solo aggiornamenti e cose rese visibili a tutti. Non prendiamo cose condivise solo con gli amici, quindi non sappiamo quanta autorevolezza ha un utente su Facebook. Su Facebook non c’è lo stesso semplice meccanismo che regola i retweet su Twitter. Mostriamo i contenuti di valore condivisi dagli utenti su Facebook, ma solo quelli pubblici. Per esempio, quando Gary Coleman morì abbiamo notato che un video di Different Strokes con dentro la sua frase preferita (“what ya talk’in ’bout Willis”) cresceva in popolarità. Ciò è successo perché un sacco di persone stavano condividendo quel contenuto il giorno della sua morte.

Google: Anche in questo caso, applichiamo lo stesso trattamento di Twitter. Non abbiammo dati personali estratti da Facebook.

6. Calcolate se un link deve avere più peso a seconda della persona che lo condivide su Facebook?

Bing: Siamo in grado di dire se qualcosa è di qualità su Facebook sfruttando Twitter. Se lo stesso link è condiviso su entrambi i social, è più probabile che lo sia.

Google: Rispondiamo esattamente come per la domanda 5.

7. Giusto per essere chiari, i nuovi dati di Facebook non sono ancora utilizzati all’interno della normale ricerca web, giusto? (domanda posta solo a Bing, in quanto rilevante solo per quel motore)

Bing: No.

La morte degli hashtags di Twitter

Sitepoint segnala che alla recente conferenza per sviluppatori Chirp, Twitter ha annunciato l’aggiunta delle annotations nei tweet: in sostanza dopo aver terminato i 140 caratteri si avrà la possibilità di aggiungere delle note costituite da un metadato che potrà essere quindi una keyword o un valore.
La novità interessa sia gli sviluppatori che gli utenti: se da una parte si potranno aggiungere più informazioni dall’altra i tweet potranno essere più lunghi di 140 caratteri (dunque più complessi) e gli hashtags potrebbero cominciare a scomparire.