Dove eravamo rimasti?

Giuseppe Verdi, Piazza della Scala, Milano, 1900

Giuseppe Verdi, Piazza della Scala, Milano, 1900

  • Mi sono trasferito, ho lasciato Caserta. Ora lavoro a Milano, almeno fino a Febbraio, per Halldis: mi occupo di SEO, dei Social Media e visto che c’ero ho fatto anche il corso “Come funziona Google” di Enrico Altavilla, persona competente e disponibilissima. La giornata mi ha consentito di rimettere in sesto un po’ di teoria e approfondire con Enrico alcune tematiche legate ai motori di ricerca.
  • Sto rifacendo la mia identità online (incluso il logo di questo blog, che un logo vero non l’ha mai avuto) e le business cards partendo dal monogramma del mio nome. Quale ti piace tra i due, il primo o il secondo?logo dario salvelli
  • Leggo ancora dibattiti sugli “influencer” o sulla fiducia verso i blog e non so se ridere o piangere. E’ almeno dal 2009 che se ne parla e già allora mi chiedevo se non dovevamo superare questo ragionamento e parlare ad esempio di microsfera.
  • Non ho mai incontrato Luca Dello Iacovo ma ci leggevamo da anni. Da blogger ho cominciato a scrivere qualcosina su Nòva 24 grazie al concorso aperto Open Nòva che Luca De Biase lanciò anni fa, nello stesso periodo in cui credo cominciasse lui.
    Coetanei, lui di vicino Benevento ed io di Caserta, una passione per i temi della società dell’informazione che Luca coltivava meglio e più di me. Non conoscevo Luca, non ho mai lavorato a stretto contatto con lui ma da ieri mi pervade un senso di impotenza e un gran silenzio.
    Questo è l’ultimo pezzo che ha scritto e mi pareva doveroso ricordarlo così, con le sue parole e la voglia di raccontare, con precisione e senza clamore, l’innovazione.
  • Tommaso Cestrone, l’angelo della Reggia di Carditello, se ne è andato per un infrato. Aveva 48 anni, era un volontario della Protezione Civile, aveva una azienda agricola proprio vicino la Reggia ed era stato nominato dal tribunale di Santa Maria Capua Vetere come custode della Reggia.
    Con la sua roulotte, la proteggeva dagli infami. L’ha difesa fino alla fine: Tommaso è stato l’unico che abbia davvero amato e difeso quel bene (che è di tutti noi) senza mostrare alcun interesse personale, trascurando negli ultimi anni la sua famiglia ed i suoi cari, lasciato solo da politica, istituzioni ed a volte anche dalla cosiddetta società civile. 
    Negli anni ha subito diverse intimidazioni e – come ho scritto a Massimo Bray – spero che venga ricordato e abbia un riconoscimento per il suo valore civile. E’ una gravissima perdita per tutti noi.
  • E’ stato il primo anno che non ho partecipato per motivi di lavoro a Buy Tourism Online ed ho perso tanta roba. Fatemi dire però che il nuovo design del portale del turismo Italia.it non mi piace, lo rende più anonimo di prima.
  • Non so se avrò più tempo per scrivere su Usernet, voglio riprendere in mano il mio blog ed è il primo buono proposito del 2014, anzi una promessa.

Intanto tra qualche giorno pubblico un post dove cerco di capire dove sta andando la tecnologia su questa tèra. Lascia l’email così ti arriva e non lo perdi.

Settembre al Borgo e la cultura dell’emergenza

Torno a scrivere anche se il blog è ancora un cantiere aperto per una questione che riguarda la mia città Caserta e la storica rassegna Settembre al Borgo (al suo 43 esimo anno) che si tiene al suo borgo medievale, Casertavecchia.
Questo festival stava per scomparire ed è stato appena salvato in extremis mettendo su 7 giorni di concerti alla modica cifra di 400 mila euro (300 provenienti da fondi + 100 da privati) e ponendo l’accento sul carattere “social” (facetofest) quando non ha nulla di tutto ciò (il sito è una immagine statica e la vecchia pagina Facebook https://www.facebook.com/settembrealborgocaserta è stata cancellata in favore dell’uso di un profilo, lascio a voi ogni commento).
Questi soldi che erano destinati al turismo non potevano essere spesi in tutt’altro modo (ripristinare ad esempio la rassegna Percorsi di Luce, potenziare itinerari turistici, lanciare un contest dedicato alla promozione internazionale del territorio, etc)?

Continue reading

Republike, la nuova identità della Repubblica Ceca

Czech Republike è la nuova identità per il turismo della Repubblica Ceca: l’idea che la campagna si basi tutta su di un prodotto commerciale come Facebook a me sembra alquanto pessima con un design che è molto freddo e non ha nessun richiamo alle bellezze ed alla storia della Repubblica Ceca. E’ stata realizzata dallo studio Marvil di Praga ed è un po’ come chiamare Amsterdam, “Amster-damn“.
Queste erano le altre proposte che il Czech Tourist Authority ha analizzato nell’ambito della gara.

Cosa ne pensate?

Il distributore automatico che vende Viaggi

Una bici, un telo da mare, una tavola da surf, un libro, un gonfiabile. L’operatore turistico Tourism British Columbia nella Justin Herman Plaza di San Francisco ha installato questa vending machine, la BC Moments Machine, un distributore automatico di momenti di viaggio.
La campagna si chiama 100 BC Moments ed incoraggia i viaggiatori a scoprire quali vacanze offre l’operatore per questa estate.

L’idea della vending machine non è originale ma in questo caso funziona almeno ad avvicinare le persone al brand ma anche a coinvolgerle e ad informarle sull’idea di viaggio di BC: basterà un cadeaux per conquistarle?

Italia.it: non aprite quel portale

Grazie a Enrico Ferrero per la segnalazione e la scansione scopro che oggi Sergio Rizzo dalle pagine del Corriere Economia analizza la situazione del portale Italia.it e si chiede cosa farà il nuovo ministro del turismo Piero Gnudi.

Il pezzo non dice nulla che non sappiamo già, riassume frettolosamente la vicenda (e anche Rizzo se ne esce con quel “popolo del web”) e poi scade sulle classiche vicende di favori personali e vacanze pagate (magari ad insaputa) per finire col chiedersi cosa farà Gnudi.
A dire la verità ce lo chiedevamo da un po’ di tempo in molti, basti pensare la lettera pubblica di Roberta Milano che forse non è arrivata ai giornali, in tv ed al nuovo ministro del turismo.

Bisogna sperare davvero che l’ENIT risolva tutto? Sono un po’ scettico, chissà di tutto ciò Magic Italy cosa ne pensa (credo male, molto male).

Bollywood: tra sogno e viaggio (trailer)

Non ho fatto più il gioco del “Se Fossi” alla conferenza Buy Tourism Online 2011 perchè ero troppo preso a seguire gli incontri però qualche video l’ho registrato. Mi sono divertito a montare una sorta di trailer del focus del giorno 1 che ho chiamato Bollywood: tra sogno e viaggio.

Nel panel Alberto Castelvecchi e Ivano Fucci hanno parlato di come la cultura indiana e il cinema influenzino i gusti degli indiani e di come l’Italia promuova il turismo in India, uno dei Paesi BRIC. A breve pubblicherò un estratto dall’incontro, intanto gustatevi il trailer “indiano”.

La mia Agenda per BTO 2011 e il gioco del “Se fossi”

Come ho già scritto sarò presente per la prima volta l’1 ed il 2 Dicembre alla BTO 2011, l’evento annuale dedicato al turismo online e non solo. Sarò lì non solo per imparare e conoscere dal vivo persone che leggo e seguo da tanto ma anche per discutere con gli addetti del settore e avere un feedback sul mio progetto Blogga la Vacanza.

Il programma della BTO è ricchissimo ed ho intenzione di fare il gioco del “Se fossi”. Girerò con una videocamera chiedendo alle persone che incontrerò di dirmi tre cose da fare se fossero: il nuovo ministro del Turismo, Italia.it (magari qualche domanda scomoda a Edoardo Colombo), un ente del turismo, un albergo, eccecc.
Se vuoi essere uno dei tanti “se fossi” scrivimi via mail a info@dariosalvelli.com oppure mandami un tweet su @darios o un messaggio su facebook.

Intanto condivido qui sotto la mia agenda personale così possiamo incontrarci. Alcuni eventi sono in contemporanea perchè devo ancora scegliere ma l’ordine di priorità e interesse è quello in lista; comunque credo che correrò da una Hall all’altra per non perdermi nulla.

Continue reading