Nokia N9

A fine anno arriva il nuovo Nokia N9. L’azienda finnica gioca a fare l’Apple (anche nello spot) cercando di vendere lo swipe come innovazione in uno smartphone “all screen” con un sistema operativo MeeGo (un Linux mobile) che non ha le stesse applicazioni e potenzialità di Android e iOS.
L’hardware dell’N9 non sembra male: scocca in policarbonato (dovrebbe aumentare le performance dell’antenna), processore ARM-Cortex A8 da 1Ghz, batteria da 1450 mAh, 135 grammi, due modelli da 16 e 64GB, la tecnologia Near Field Communication che si interfaccia con Nokia Play 360.

Il grosso problema di Nokia, che è tra i più grandi produttori di cellulari ma non ne è il leader, resta quello del software.
Nokia ha già scelto di abbandonare completamente MeeGo e dirottarsi verso Windows Phone 7 e per almeno 1 anno ancora Symbian dunque perchè lanciare ugualmente l’N9? Il progetto era già in cantiere e avrebbe causato perdite eccessive? Quale supporto e sviluppi si possono assicurare agli utenti se MeeGo non farà più parte dei piani di Nokia? L’impressione è che N9 sia comunque un bel prodotto ma arrivato troppo tardi e nato già morto.