Archivi tag: social media

La vita online sui social media dopo la morte

L’argomento è decisamente poco agostano ma attualissimo: in realtà per esempio di blog dopo la morte se ne parla da un pezzo ormai.
Il Time ha segnalato alcuni servizi per gestire la nostra vita online dopo la morte: come in una sorta di testamento virtuale, Legacy Locker ed altri siti a pagamento conservano le password dei tuoi account ed i files da inviare ad una persona di fiducia dopo il trapasso. Se ancora manca una legislatura seria e definitiva sul testamento biologico, siamo ancora a zero riguardo quello sui diritti digitali.
Ad esempio, ricordo ancora con dispiacere la scomparsa di Blazar, un utente molto attivo nella community dei Tumblr: il suo Tumblr come giusto che sia non è più aggiornato così come l’account di Twitter e presumo anche il suo profilo Facebook.

E’ triste parlare di una DeathStatusphera ma serve per farci riflettere: che fine faranno e come verranno gestiti questi contenuti, penso a messaggi privati, files, foto, video? Quante di queste informazioni poi possono essere utili per fare un business selvaggio che può non avere scrupoli?
Le identità digitali devono avere un inizio ed una fine o possono restare perennemente aperte a disposizione di utenti e soprattutto aziende? Chi può difenderci dal saccheggio digitale? E’ giusto eliminare definitivamente dal Web un account o un profilo pubblico e privato di una persona defunta?

email

La serendipity dell’attenzione

bands-of-managing-reduced-attention

Il grafico di Serendipity of attention descrive bene la situazione dell’attenzione nei confronti dei media sociali: Twitter, Friendfeed, Facebook, Blog.
Gestire, filtrare, ordinare la quantità d’informazione è diventato sempre più un “lavoro” dispendioso in termini di tempo: più amici e persone segui maggiore sarà la difficoltà nell’ascoltare e scegliere ciò che comunicano (kewyord tracking), riuscire a dialogare decentemente (@replies), definire il carattere delle proprie relazioni (other groups) ed infine valutare tutta un’altra parte di mondo che non fa parte del tuo circolo sociale (random views) che sfugge inevitabilmente ai tuoi occhi.
Google l’ha capito da un bel po’ di tempo e per questo motivo sta trasformando Google Reader in uno strumento più potente, in grado di far ordine tra le conversazioni.