No war zone

Ti prego nessuna banalità sulla guerra in Libia, nessuna indifferenza nè torbido eccesso di zelo. Tutte le guerre sono terribili sia per chi “attacca” che per chi si “difende”. Non so tu ma sulla Mediterraneo Revoluciòn non voglio più leggere nessuna intelligente analisi lucidata a fondo da un culo pesante. Almeno per ora.
Penso ai libici chiusi nelle proprie case dannati da un destino infame. Penso a morti che aggiungono altri morti. Penso che se tutto questo non ti fa schifo allora sei già morto o almeno corroso dall’indifferenza.

Se invece sei triste come me tirati su ascoltando l’ultimo album “Complici” di Musica Nuda. Il pezzo di sopra si intitola “Professionalità“: in fondo per fare la guerra bisogna essere dei veri professionisti dell’orrore.