Archivi tag: mario monti

Prolunghiamo il Governo Monti

A quanto pare è nato un fantomatico e per ora anonimo comitato che vuole Prolungare il Governo Monti oltre il 2013. Hanno scritto un manifesto decisamente banale a sostegno di Monti e del suo Governo perchè “coscienti del momento di crisi dell’Italia, non solo economica ma etica e morale, auspichiamo che l’attuale fase riformatrice possa continuare ininterrotta per opera di un governo forte e capace“.

Ho provato a capire chi fossero gli ideatori di questa iniziativa, il sito è registrato a “BENVENUTI ARBORIO DI GATTINARA LODOVICO” (inventato? non credo è un .it) che se si fa una ricerca su Treccani vien fuori una famiglia nobile di marchesi di Breme. Divertente, no? Il Governo delle banche e dei poteri forti come qualcuno l’ha chiamato sostenuto da ricconi.

Nel 2013 lo scenario sarà abbastanza incasinato soprattutto se resterà l’attuale legge elettorale e dunque com’è possibile che si formi veramente un cosiddetto partito di tecnici? L’eventualità farebbe sorridere e auspico che non si verifichi, qualsiasi partito è o dovrebbe essere fondato su convinzioni e ideologie politiche oltre che sulle competenze e sul lavoro degli iscritti.

Perchè l’Italia è già stata partitocratica e anche se è abbiamo cambiato Repubblica da quella fase non siamo mai usciti fuori veramente.

E allora ho chiesto agli autori del sito di spiegarsi e fare un decalogo del perchè un cittadino dovrebbe appoggiare una iniziativa del genere che a me pare sinceramente strampalata. Ecco cosa mi hanno risposto, lascio a voi le considerazioni.

 

NOTA PER DARIO SALVELLI

PROLUNGHIAMOILGOVERNOMONTI.IT

 

  • Ci fa piacere mettere subito in chiaro che questa iniziativa non è anonima e non prevede di esserlo; come abbiamo avuto modo di comunicare in calce al Manifesto pubblicato sul nostro sito, le liste dei membri dei due comitati saranno rese pubbliche il 30 maggio 2012;
  • Rientra nella libertà di ciascuno scegliere ora se aderire o meno alla semplice iniziativa o aspettare la data indicata per prendere una decisione, confortata dai nomi dei promotori;
  • La ragione di questa nostra precisa scelta sta nell’opportunità – da noi tutti condivisa – di presentare inizialmente la sola iniziativa, scevra da ogni abbinamento ai nomi dei promotori;
  • Prolunghiamoilgovernomonti.it oggi si presenta attraverso l’idea – il nostro Manifesto – e il primo strumento per la sua realizzazione – il sito www.prolunghiamoilgovernomonti.it;
  • La nostra iniziativa non chiede di prolungare il governo Monti senza alcun passaggio elettorale; noi chiediamo il supporto dei cittadini perché possa prendere corpo ed essere organizzato, senza intermediari politici – e con il supporto della rete – il primo sostegno popolare diretto all’attuale governo per prorogare lo sforzo riformatore appena iniziato per il tempo necessario alla ricostruzione di un sistema politico, sociale ed economico equo e competitivo.
  • Negli ultimi 20 anni i cittadini italiani sono stati ripetutamente illusi dalla nostra classe politica che non ha saputo affrontare i problemi e i nodi strutturali che bloccano il Paese ma che, al contempo, ci ha bombardato di dati, progetti e programmi elettorali rimasti incompiuti.
  • Oggi il paese è meno equo, meno competitivo, e i giovani hanno meno prospettive ed opportunità per il futuro rispetto a quelle che avevano i loro genitori;
  • Prolunghiamoilgovernomonti.it vuole investire sull’autorevolezza, sulla serietà e sulla competenza della persona “Mario Monti”, unica vera garanzia in questa fase di incertezza.
  • Vogliamo fornire a Mario Monti una legittimazione diretta, senza che questi venga soffocato dall’intermediazione e dal condizionamento dei partiti politici e degli interessi, grandi e piccoli, che li guidano. Il percorso accidentato di questi giorni delle liberalizzazioni, attraverso i due rami del Parlamento, è un esempio lampante.
  • Prolunghiamoilgovernomonti.it non vuol favorire un partito “dei tecnici”; la nostra iniziativa è autonoma e non risponde a nessun interesse, sia esso economico, politico, nazionale o internazionale;
  • La nostra è una sfida che parte da un’idea semplice – il nostro Manifesto – molto entusiasmo e il supporto della rete.

email

Una email a Mario Monti

Negli anni passati abbiamo visto utilizzare i canali istituzionali dei ministeri per comunicazioni ridicole che spesso riguardavano fatti privati: dagli annunci dei libri di Brunetta alle smentite di Tremonti e Berlusconi chi più ne ha ne metta. Era la politica del precisare l’imprecisabile.

Ieri sul sito del Governo è apparsa la sezione Dialogo con il cittadino nel quale Monti pubblica una analisi (della quale dobbiamo fidarci perchè non possiamo leggere la controprova) delle circa 2000 email che ha ricevuto direttamente dai cittadini italiani. Sono da leggere sia gli estratti dei messaggi che le richieste: secondo le statistiche solo l’8% di questi, ossia 160 cittadini, lo ha criticato. Il Governo invita a scrivere e annuncia che aggiornerà presto la sezione con quesiti e risposte:

Più della metà dei cittadini (56%) scrive al presidente Monti per esprimere un sentimento di “gratitudine e fiducia” nel suo operato e con l’intento di formulare proposte per contribuire a risolvere la crisi e far ripartire la crescita. Il 44% delle mail chiedono soprattutto un maggiore sforzo al governo per ridurre i “costi della politica e della pubblica amministrazione” e una maggiore attenzione verso i giovani, il lavoro, la famiglia. A tutti questi cittadini il presidente Monti sta rispondendo personalmente ringraziandoli per il sostegno dato al governo.

Sarebbe bello realizzare una sorta di Wikicrazia se tutti gli italiani, almeno quelli connessi, inviassero una email (oppure un tweet, perchè no?) con ciò che pensano sull’operato di Monti ma soprattutto con domande, proposte, descrizione dei problemi che notano su stessi e sul Paese. Un gruppo ha già cominciato da qualche tempo con il progetto Wikitalia e chissà che il Governo non lo possa utilizzare, inglobare o realizzarne uno simile.

In un Paese però in cui pure la democrazia si regge a mala pena, mi sembrano ancora un po’ utupostiche dunque accontentiamoci di inviare una email a Monti (si si, non la leggerà Monti ma finirà in quelle statistiche) e tagghiamola come la nostra #montipen.

Monti Python

A chi farà ridere il decreto Salva Italia di Monti? A pochissimi perchè come un pitone Monti ha cercato di colpire e mordere con un decreto da subito ciò che l’Europa e tutti chiedevano all’Italia: affrontare in qualche modo la crisi.

Ha il merito d’aver affrontato la previdenza sociale: proprio il ministro Fornero che spero venga ricordato più per ciò che farà che per il suo pianto, spiega in questo video di Superquark le pensioni.

E’ vero che preoccupa che non ci siano diverse cose che il primo discorso di Monti del suo insediamento aveva fatto ben sperare: lotta all’evasione, lotta alla corruzione, crescita e equità. Ma questo è un Governo di transizione, certamente di tecnici ma pur sempre un Governo e dunque è fatto di politica, di compromessi.
Ci si lamenta che non sia un esecutivo d’espressione democratica: se questo decreto venisse bocciato e la fiducia negata saremmo punto e da capo.

Tra le cose che non ci sono: mancano ancora tanti privilegi da eliminare come quello nei confronti della Chiesa e dei grandi patrimoni, spariranno le pensioni d’anzianità, l’IVA arriverà fino al 23%, il Vaticano continuerà a non pagare nemmeno 1 € di Ici-Imu, la ripartizione dell’8×1000 resta invariata (i patti lateranensi soprattutto in questa crisi vanno rivisti), l’addizionale Irpef regionale sale dallo 0,9 all’ 1,23%, la vergognosa riforma Gelmini sull’Università per ora resta lì dov’è, la legge europea anticorruzione firmata e non ratificata dall’Italia resta una chimera, nessun provvedimento ancora sulla crescita ma solo tagli ai consumi, mancano provvedimenti su agenda digitale, innovazione e green economy. Continua a leggere

Nel fuggi fuggi generale

Cominciano a scappare tutti (o forse fanno finta e da ir-responsabili si nascondono sotto mentite spoglie). Spero che se proprio debba arrivare Mario Monti il nuovo Governo non sia figlio di quello che è morto per le proprie incapacità. L’Economist già pensa al dopo Berlusconi (e al dopo Monti, direi), dobbiamo farlo da subito anche noi.

P.S. Rimontiamo in questo caso è adattissimo.

Via [Eclipsed]