Il Bavaglio della Rete è già cominciato

Scrive Guido Scorza:

E’ stato disposto il sequestro di un intero blog nell’ambito di un procedimento penale volto ad accertare se attraverso un pugno di post sia o meno stata posta in essere una diffamazione.
Il Dr. Giancarlo Mancusi, lo stesso Pubblico Ministero in forza presso la Procura della Repubblica di Bergamo, già protagonista del rocambolesco sequestro della Baia dei Pirati, questa volta, ha chiesto, ottenuto ed eseguito il sequestro de www.ilgiustiziere-lafabbricadeimostri.blogspot.com, un blog di Stefano Zanetti, sociologo e blogger.
Anziché ordinare a tutti i provider italiani di rendere inaccessibile il blog, quindi, il PM ha chiesto alla Guardia di Finanza di ordinare a Google di “inibire l’accesso al blog oggetto di sequestro e soltanto ad esso

Il PM con il suo provvedimento – nonostante la “nobile” preoccupazione di risparmiare l’oscuramento all’intera piattaforma blogspot ed ai milioni di blog su di essa ospitati – ha reso inaccessibili centinaia di post già pubblicati sul blog oggetto di sequestro in anni di attività e, soprattutto, precluso a Stefano Zanetti di poter continuare a dire la sua e, quindi, manifestare liberamente il proprio pensiero salvo, ovviamente, rispondere di eventuali abusi.

Non è possibile chiedere l’obbligo di rettifica e poi non potersi difendere in qualche modo dalle pagine del proprio blog. Per lo meno questa volta non hanno preteso la chiusura di Blogger, magra consolazione.
Vittorio Zambardino ha ragione: non vogliamo fare i giacobini della Rete ma evitare la censura sul web.

Sbavagliamoci

Niente a quanto pare le proteste sulla legge Bavaglio a qualcosa sono servite se il Governo ha fatto un primo passo indietro riguardo la pubblicazione delle intercettazioni. Se il testo verrà approvato ci sarà un po’ più di libertà di stampa ma non si capisce se la legge finirà su di un binario morto o verrà completamente capovolta.

Insomma questa legge Bavaglio è nata malissimo ed è cresciuta anche peggio, non poteva andare diversamente: si è perso fin troppo tempo per un pessimo testo che non guardava al futuro, che non innovava un bel niente. E intanto si allarga il digital divide.

L’ENI, il caso dell’omicidio Mattei, Pasolini che non pubblica un capitolo in Petrolio dove probabilmente aveva scritto i nomi degli autori delle stragi degli anni ’70, la nuova loggia P3. Se solo usassimo il 50% di queste oscure energie per fare del bene a questa Italia probabilmente le cose andrebbero diversamente anche nella politica.

Senza Bavaglio

Qualcuno mi ha detto di avere avuto per ora più disguidi oggi con lo sciopero dei treni che con le conseguenze della legge Bavaglio. Purtroppo facciamo acqua da tutte le parti, cerchiamo però almeno di evitare che il Titanic vada a fondo, schivando un iceberg per volta.

Dunque visto che oggi non sciopero (a proposito su Agoravox ci sono tanti bei contributi e il sito di Wired raccoglie molte storie in merito) pubblico i pensieri di alcuni amici ai quali ho chiesto di scrivere due righe sulla legge Bavaglio e che hanno accettato volentieri.

Se vuoi aggiungerti ci sono come al solito i commenti o la mail (blog chiocciola dariosalvelli.com).

Continue reading “Senza Bavaglio”

Il gatto sulle strisce non si può tradire

Mentre i blog chiudono ed i giornalisti scioperano c’è chi, come ogni giorno, ride. Ride perchè invece di raccontare questa Italia preferiamo lasciare tutto così com’è, tanto è solo un altro sciopero, cosa vuoi che cambi da domani?

Quello che penso, e lo dico con assoluta modestia, è che stare zitti sia sempre sbagliato, in ogni circostanza. Contro una legge che impone il silenzio non si può tacere: non era più saggio fare uscire i giornali, ma si anche quelli online, con uno speciale approfondito dedicato alla legge Alfano?
Pensate quanti italiani si sarebbero concentrati sull’argomento ed avrebbero approfondito, qualcuno avrebbe addirittura conservato la copia del giornale a futura memoria in modo da tirarla fuori per l’occasione giusta (l’entrata in vigore della legge o un caso di censura). E invece cosa ricorderanno gli italiani oggi? L’n-esimo vuoto d’informazione.

E poi perchè non parlare di quei giornalisti senatori che hanno votato a favore della legge Bavaglio? Questo blog è stato attento alla legge Bavaglio fin dall’inizio, quando anche ai blogger più prezzolati non importava parlarne mentre oggi sono tutti lì a fingersi paladini.

Per questo oggi, se ho tempo per scrivere altri post, li dedicherò tutti a questo tema. Perchè la cosa più sbagliata, soprattutto in Rete, è mettersi il bavaglio da soli.