Più ingegneri meno avvocati in Italia

Un articolo sul Corriere della Sera di oggi:

Il punto di partenza (comune) Davigo-Alfano è stato la valutazione di come nel Belpaese ci sia un`eccessiva domanda di intermediazione giudiziaria, non una bassa produttività dei magistrati. A farvi fronte ci sono io mila togati che nel loro lavoro di ogni giorno sono assediati da un esercito di oltre 200 mila avvocati. Anzi, una delle tabelle di Davigo certifica che per ogni giudice in carriera in Francia operano 7,1 avvocati e in Gran Bretagna 3,2, da noi la cifra-monstre è di 26,4. «Per questo – ha chiosato il magistrato – proporrei modestamente di portare il corso di laurea in Giurisprudenza a sei anni. In più al primo anno metterei l`esame di analisi matematica, in modo che qualche matricola possa rivedere in tempo la sua scelta e iscriversi a ingegneria». Perché, a giudizio di Davigo, con meno avvocati e più ingegneri l`Italia sarebbe messa meglio

Via [Alfonsofuggetta]