Justin Bieber e Google

Justin Bieber è insieme a Lady Gaga il personaggio musicale (non ce la faccio a definirlo musicista, scusate) che ha usato di più Google e la Rete negli ultimi anni. La sua popolarità è esplosa soprattutto grazie a YouTube dove i suoi video, alcuni molto demenziali (ricordo una partita di basket tra star in cui c’è questo Biben gioca a fare il Michael Jordan) hanno spopolato più che le sue canzoni. Poi il fenomeno si è diffuso anche su Twitter e Facebook tra parodie e deliri dei fan.

Ora c’è anche una estensione su Google Chrome dedicata a Bieber, un tema con il quale personalizzare il browser. Mi chiedo se fossero ancora vivi John Lennon o Freddie Mercury cosa farebbe il Web.

Lady Gaga e la Rete

Il team di Google Chrome celebra il successo che ha avuto Lady Gaga sul Web raccogliendo tantissimi fan. E lo fa con il making of del progetto che riguarda l’ultimo singolo Little Monsters la cui coreografia è stata scelta dai fan che hanno usato YouTube per crearla e ballarla.

Non amo moltissimo la musica di Lady Gaga ma è certamente un esempio da studiare per artisti, discografici e per chi lavora sul Web.

Google Chrome sempre più veloce

La nuova versione Beta di Google Chrome 5.0.375.29 ha dieci interessanti novità che riguardano: la possibilità di selezionare le pagine da rimuovere nella cronologia, la memorizzazione dello zoom della pagina per ogni dominio, la pagina dei preferiti che diventa HTML, l’inclusione di Flash direttamente dentro Chrome senza utilizzo di plugin esterni, la geolocalizzazione nativa in HTML5 invece che Google Gears, la traduzione manuale che consente finalmente di disabilitare la barra di traduzione automatica, la possibilità di ordinare i bottoni delle estensioni.

A parte questo pare che questa versione sia ancora più veloce e carichi le pagine web in un niente. Il video sopra mostra in maniera divertente i test sulla velocità che sono stati fatti su Chrome.

Google rivoluziona i browser e rimuove “http://” da Chrome

Sembra che dalle prossime versioni di Google Chrome non ci sarà più http:// nella barra degli indirizzi. Considerata la scarsa conoscenza dei browser degli italiani non è una bella notizia però è il segno che dal 1994 c’è stato un grosso cambiamento nel Web e la necessità di abbattere gli standard degli URLs.

Possibile che per gli utenti “http://”, “https://”, “ftp://” o ancora “mms://” e “rtsp://” ad esempio non vogliano dire nulla e siano solo delle sigle obsolete?

Come caricare più pagine su Google Chrome

estensioni chrome

Alcune delle mie estensioni di Chrome

Da qualche giorno sto provando ad usare le estensioni sul browser Google Chrome che uso per navigare parallelamente a Firefox. Ho scelto fin dall’inizio Chrome perchè mi permetteva di sfogliare le pagine in maniera veloce usando più tab senza occupare troppa memoria.

Ho installato su Chrome stabilmente 15 estensioni la cui gestione è ancora molto semplice ed acerba. Chrome resta veloce e stabile anche se ovviamente meno di prima (credo che bisognerebbe scendere almeno a 10): su Firefox 3.5.7 ho attivato 20 estensioni e nel caso di più schede aperte è sempre difficile navigare rapidamente come accade su Chrome.

Tra tutte le estensioni di Chrome ho trovato molto utile una funzione di FastestChrome – Browse Faster: la possibilità che Chrome carichi le pagine successive a quelle che stai visitando affinchè si porti “avanti” con il lavoro.
Per attivarla, clicca su “Install” per installare l’estensione su Chrome e vai nelle Opzioni di FastestChrome (si trovano in Strumenti-Estensioni):

fastestchrome extension

Clicca su “Opzioni” e seleziona “Enable Endless Pages” per caricare in una sola scheda pagine successive alla prima:

fastestchrome options

Una volta che hai spuntato la casella per provare la nuova funzione apri una nuova scheda e visita un sito web oppure un blog. Ad esempio con Friendfeed se hai disattivato il real time puoi scorrere le altre pagine senza dover cliccare su “Older items” semplicemente arrivando a fine pagina e aspettando il “loading next page” (l’esempio sotto riguarda la pagina 4):

frienfeed chrome

Non è una funzione innovativa, ci sono estensioni per Firefox e script di Greasemonkey che fanno lo stesso lavoro ma attivarla per Chrome è stato decisamente più facile ed intuitivo.