Giornalisti troll

Repubblica oggi ha toccato il fondo prima con una galleria fotografica su Facebook dedicata agli onorevoli in vacanza e poi con questo articolo assurdo di Marco Pasqua che critica il trollare ma finisce per diventare egli stesso un troll con tanto di esperto autorevole (e non parlo della Concia che un altro po’ ci fa credere che l’omosessualità si possa diagnosticare nei feti).

Sono diventati un giornale serissimo, più di Spinoza. Staccate Internet ai giornalisti di Repubblica, vi prego.

[UPDATE]

– Dopo uno scambio tra Republicca e Arianna Ciccone il giornale ha rimosso la terribile galleria da Facebook ma non basta l’aver dato ascolto: ormai la frittata è stata fatta e le foto girano. Da leggere comunque il post di Giovanna Cosenza sui modi per difendersi dai troll.

Chi non salta omofobo è

Come segno di solidarietà a quanto accaduto nella sede di Gay.it segnalo nuovamente la mappa dei locali omofobi in Italia.

Brutta sorpresa questa mattina per i dipendenti del portale Gay.it. L’ascensore e la porta di ingresso degli uffici dove lavora lo staff del sito gay sono stati trovati imbrattati con scritte inneggianti alla guerra santa, alla morte per le persone omosessuali e con simboli neofascisti e satanici. “Gay.it morirete oggi”, “I vostri uffici bruceranno”, “Abbasso i gay”, “Morirete froci”, “Gay Muftì”, sono solo alcune delle scritte rinvenute.