Se la Libia ci tagliasse il gas la bolletta aumenterebbe dell’8,5%

Foto: http://ilgloriosocamerata.tumblr.com/

Mi è appena arrivato un comunicato preoccupante di Allthesys, società che si occupa anche dell’indice di Borsa delle energie rinnovabili. Lo giro affinchè chi ha tempo e modo possa approfondire la questione. Il mio commento è semplice: avere una strategia energetica è fondamentale (non solo per il Paese che ne delinea una ma anche per quelli vicini) e affidarsi completamente a regimi poco stabili come quello della Libia non deve essere stato molto saggio.

Se il blocco del gas dalla Libia arrivasse a durare un anno ci sarebbero delle ripercussioni sulle bollette degli italiani pari a circa l’8,5%. Valutando che l’import dalla Libia sia di 9,2 miliardi di metri cubi all’anno, pari al 12% dei consumi – osserva Alessandro Marangoni, amministratore delegato di Althesys – abbiamo calcolato cosa succederebbe se l’Italia, come avvenuto in precedenza con la crisi tra Russia e Ucraina, decidesse di invitare i produttori di energia elettrica a cercare combustibili alternativi. Una scelta che potrebbe esser fatta per non fermare le industrie e per non chiedere sacrifici ai cittadini sul riscaldamento. L’effetto sarebbe un aumento del costo di produzione dell’elettricità pari a 20 euro per ogni megawattora prodotto. Su un anno, considerata l’attuale produzione, provocherebbe un aumento di 800 milioni di euro, pari a circa 32 euro a famiglia, ovvero il 7,6% della bolletta media attuale”.

Le tariffe dell’energia elettrica: qual è la più conveniente?

Tariffe Energia

Alcune delle tariffe per l’energia più convenienti

A preoccupare le già vuote tasche degli italiani dal prossimo anno non ci sarà solo la privatizzazione dell’acqua ma anche la liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica e del gas cominciata già il 2007 in Italia ed in Europa. Ciò vuol dire che i consumatori potranno scegliere di cambiare fornitore d’energia elettrica quando vogliono (il cambiamento è gratuito se non si cambia il fornitore in 12 mesi) e passare ad esempio da ENEL ad un altro: a proposito, nel numero di Nòva 24 de Il Sole 24 ore di Giovedì 17 Dicembre insieme ad Alessandro Bruzzi di SosTariffe.it segnaleremo a pagina 3 quelle che sono attualmente le tariffe più vantaggiose.
Bisogna fare attenzione ai prezzi ed agli sconti perchè in genere sono riferiti alla sola componente energia (PE), che pesa sul costo totale della bolletta per il 64% circa.

Continue reading “Le tariffe dell’energia elettrica: qual è la più conveniente?”