Tag Archives: fonti rinnovabili

Il migliore paraculo degli ultimi 150 anni

E’ sgradevole perchè durante una qualsiasi decisione in corso del popolo è apprezzabile il silenzio elettorale ma dopo ciò che è successo ieri quanto è delizioso questo video?

email

Frassoni vs Wikileaks

Brutto autocitarsi ma tant’è:

Quelli che: per sapere che l’Italia è allo sfascio e viene presa per il culo all’estero hanno bisogno di Wikileaks.

Domani uscirà su tutti i giornali il rapporto di Assange, ci saranno le solite conferme su Berlusconi considerato come il clown del G20, l’Italia e qualche sua azienda derisa, gli opion leader insorgeranno, discuteranno di una banalità ormai nota a tutti gli italiani che non hanno bisogno di documenti scandalistici à la Dagospia.

Nel mentre accadrà questo a me invece fa piacere pensare che tra i 100 Global Thinkers di Foreign Policy ci sia un solo italiano: Monica Frassoni.
E dopo aver visto la puntata di Report sulle fonti rinnovabili (su Tekneco ne parlo di continuo) posso solo sperare che l’Europa ci restituisca presto la Frassoni (non mi importa con quale partito), magari ci pensa lei all’energia dell’Italia con un piano serio. E’ volere troppo?

Tremonti contro le rinnovabili

Ho letto alcune assurde dichiarazioni di Giulio Tremonti sulle fonti rinnovabili. L’eolico sarebbe tra i settori più corrotti:

“Non dobbiamo credere a quelli che raccontano le balle dei mulini a vento, le balle dell’eolico, vi siete mai chiesti perchè in Italia non ci sono i mulini a vento?
Il business dell’eolico è uno degli affari di corruzione più grandi e la quota di maggioranza francamente non appartiene a noi.
Un punto che ci penalizza è quello del nucleare: noi importiamo energia. Mentre tutti gli altripaesi stanno investendo sul nucleare noi facciamo come quelli che si nutrono mangiando caviale, non è possibile.”

Non è vero che siamo poco competitivi perché importiamo energia: è vero che importiamo perché siamo poco competitivi.

In Italia ci sono 25 mila occupati nel settore dell’eolico e si stima che si possa arrivare a 67 mila con quasi 5000 assunti ogni anno. Ne ho parlato su Tekneco: le fonte rinnovabili darebbero tanti posti di lavoro come è successo in Germania che è uno dei leader mondiali e dove nella Green Economy lavorano circa 300 mila persone.

Le dichiarazioni di Tremonti tese a spingere sul nucleare ed a screditare una delle fonti come l’eolico sono quindi incomprensibili e anacronistiche. Perchè non snellire la burocrazia e favorire gli investimenti nelle rinnovabili che mi pare abbiano un break-event sempre più ridotto invece che puntare su costose centrali nucleari?

Nuove collaborazioni: Excite Italia e Tekneco

Settembre è mese di novità, sia per questo blog che personali. Con oggi infatti partono due nuove collaborazioni: la prima è con Excite Italia, la seconda con Tekneco.

Partiamo dalla seconda. Ho già parlato qualche tempo fa di Tekneco, testata dedicata ai temi dell’ecosostenibilità diretta dal buon Alessandro Longo. Ho sempre avuto interesse per questi temi dunque ho accettato con piacere l’invito di Alessandro che ha voluto che collaborarssi al progetto proponendo news e focus di approfondimento.
Sto cominciando a studiare queste tematiche e devo ammettere che ci sono tante novità e tanti sviluppi interessanti, c’è davvero tanto da imparare.

Ho già parlato dei “green port” che verranno progettati in Sardegna mentre oggi c’è già un mio primo articolo in homepage dove parlo dell’energia eolica. Critiche e suggerimenti sono ben accetti, il feed da aggiungere è: http://feeds.feedburner.com/Tekneco

L’altra novità è che da oggi collaboro con Excite Italia in qualità di autore: il mio compito sarà quello di curare i contenuti del canale Web 2.0. La linea editoriale è precisa: per ora leggerai articoli generalisti dedicati ad un pubblico molto vario ma in futuro ci saranno anche approfondimenti, interviste. Ad Ottobre, Excite Italia subirà un restyling generale che gli permetterà di avere nuova grafica e grandi potenzialità.

Probabilmente va vista in questa ottica la recente chiusura di alcuni servizi (come quello dei blog) che non erano più utilizzati dagli utenti ossia concentrare sforzi e sviluppi in alcuni settori precisi. Excite è stata acquistata nel 2007 da GoAdv, azienda che ha sedi a Roma, Dublino e Manila e che lavora in tutta Europa: proprio dalla sede di Roma vengono gestite tutte le versioni gemelle di Excite, Francia, UK, Germania, Spagna e Olanda.

Feedback e commenti sono benvenuti, vi aspetto sul canale Web 2.0 Excite. In questo caso il feed da sottoscrivere è: http://rss.feedsportal.com/c/625/f/8189/index.rss