Come organizzare la dieta digitale con i recommender system

Sono un consumatore di notizie e approfondimenti e sto cercando di risolvere il problema di come organizzare la mia dieta digitale visto che la carta è quasi scomparsa dalla mia scrivania.

La prima cosa che ho fatto è sistemare Google Reader ordinando i feed RSS per cartelle, argomenti (tag) e infine lingua. Ho già una serie di fonti che leggo spesso perchè mi piacciono e le trovo autorevoli ma stavo cercando un motore che raccolga i miei interessi automaticamente (magari trovando nuove fonti) e mi semplifichi la lettura.

Li chiamano sistemi di “recommendation systems“. Uno di questi è stato lanciato da Worio lo scorso Marzo: si tratta di Zite.
Zite si definisce come una sorta di “personal web filter” cioè un filtro organizzato in maniera che tu possa scegliere quali fonti leggere in funzioni dei tuoi interessi: nella procedura di iscrizione Zite chiede subito il tuo profilo Twitter e quello di del.iciou.us e li analizza per capire quali sono gli argomenti che leggi più spesso.

E’ proprio questa analisi automatica che fa la differenza rispetto a Google Reader: è possibile comunque nella sidebar di destra aggiungere o rimuovere gli argomenti che ti interessano (le keywords) in funzione dei tuoi bisogni e Zite compilerà per te una lista di blog e siti web di discreta qualità. Ho scoperto infatti diversi link interessanti da fonti che non conoscevo.

Se ti interessa ho due inviti per provare Zite (UPDATE: gli inviti sono finiti!): i più veloci nei commenti saranno invitati a questo servizio.

Ci sono altri motori che fanno il lavoro di Zite. Ne cito alcuni affinchè tu possa provarli, scegliere il migliore e segnalarmene qualcun altro: Yourversion, Oneriot, Lazyfeed.