Aprile è il mese più divertente dell’anno: Boris ed Habemus Papam

Dal 15 aprile al cinema c’è Habemus Papam, il nuovo film di Nanni Moretti che amo molto soprattutto per i suoi primi lungometraggi. Nel cast recita anche Tony Laudadio, un attore della mia città che conosco e stimo. Come vedete il trailer è misterioso: per quanto ne so vedremo un Papa che si perde per le strade di Roma e questo basta per farmi ridere.

Dall’altra parte il giorno 1 aprile esce invece il film di Boris, irriverente serie televisiva partita su Sky diversi anni fa e che vede al “centro” della storia un pesciolino. Le aspettative sono alte, la colonna sonora è di Elio e le Storie Tese.

YouPorn 3D: l’era del porno in tre dimensioni

Mentre in Italia si gira il primo film porno in 3D, cominciate a dotarvi di occhialini anche a casa e in ufficio perchè la porno culture sta per subire una profonda evoluzione.

L’era del porno in tre dimensioni si sta avvicinando alla massa: ecco YouPorn in 3D. Chi ha la possibilità, lo può provare? Magari di Domenica.

Io resto fedele alle adolescenti alzate di gonne sui vecchi cataloghi del supermarket. Vuoi vedere che alla fine vincerà davvero il porno?

Googled: il film su Google

Le cifre dell’economia di Google

Mentre ero fuori la novità più interessante è stata quella del lancio di Facebook Places ovvero la possibilità di geolocalizzazione dei profili all’interno del social network. Non solo cosa stai facendo, cosa condividi ma anche dove sei e con chi lo fai.

Intanto, dopo i film su Facebook e Twitter dobbiamo aspettarci quello sulla storia di Google: la Groundswell Production e il produttore John Morris hanno acquistato i diritti per creare un film dal libro “Googled: The End of the World as We Know It” di Ken Auletta. Sembra che la storia di Larry Page e Sergey Brin finirà in un movie meno “romanzato” rispetto a The Social Network.

Life in a Day

Life in a Day sarà il primo user-generated film al mondo, un documentario fatto dagli utenti di YouTube che il 24 Luglio invieranno i video per raccontare alcune immagini di un giorno della loro vita.
L’iniziativa è sponsorizzata da LG, può essere una grande trovata pubblicitaria però l’idea non mi sembra male: certo, ci sarà sempre un filtro sui filmati che verranno inviati ed è una furbata fare un film utilizzando opere altrui però visto che YouTube racconta la storia immagino un futuro in cui un algoritmo sia in grado di realizzare un netgiornale che utilizzando i video di YouTube mostri tutte le notizie del giorno provenienti dal mondo e divise per Paese. Senza censura alcuna.