Quanto vale un fan di Facebook?

Insieme ad Adds+ ci hanno chiesto diverse volte di curare ed aprire delle pagine fan (le official page) su Facebook, una buona possibilità ormai altamente utilizzata di interagire con gli utenti rispetto al profilo o al gruppo. In parte hanno anche sostituito ed integrato le landing page. La nascita delle Community Page apre poi un utilizzo interessante per chi ha già una presenza online o non vuole focalizzarsi su di un prodotto/servizio preciso.

Per le “official page” abbiamo curato il lancio della campagna marketing online del Teatro San Carlo ed in meno di 2 settimane abbiamo raggiunto più di 20 mila fans, un ottimo risultato superiore anche al Piccolo di Milano ed al Teatro alla Scala: molte di queste persone sono veramente appassionati di teatro e frequentatori, altri invece sono nuovi. Tutti comunque hanno interagito in qualche modo conversando, criticando, commentando le foto, partecipando agli eventi, utilizzando i coupon delle offerte.
Non starò qui però a parlare dei vantaggi dei social network e delle conversazioni come mercati.

Raccogliere e soprattutto determinare fan attivi che partecipano veramente al brand è diventato quindi una peculiarità importante per qualsiasi agenzia e se da una parte è sempre più una richiesta esplicita, dall’altra le aziende non sono ancora del tutto convinte sul fatto che funzioni veramente.

Se calcolare il ROI sui social media è certamente molto difficile, qual è il valore monetario di un fan su Facebook o su qualsiasi altro social network?
Secondo un recente calcolo di Vitrue, un fan su Facebook vale circa 3.60$ ovvero circa 2,6 euro (la conversione in questo caso non ha molto senso). Il calcolo è basato sul numero di impression generate dal news feed di Facebook.
Secondo me non esiste un numero univoco ed universale, dipende sempre dal brand che si considera e in certi casi, come l’acquisto diretto di un bene o servizio, può essere ben più elevato: l’esercito del like infatti è così eterogeneo e certe volte imprevedibile che è difficile ed errato fare una media basandosi soltanto sul numero di visite dei proprio post di Facebook.

Fan page e Gruppi di Facebook: comunicare non è fare spam

Le aziende che avranno affrontato la comunicazione attraverso Facebook si saranno chieste: meglio fare un gruppo o una fan page? Da dove inviare i miei continui messaggi pubblicitari?
Creare una fan page di Facebook è abbastanza semplice e mediante le applicazioni si può anche trasformare la pagina in un completo sito aziendale.

Fino a qualche tempo fa Gruppi e Fan page di Facebook erano abbastanza diversi, layout incluso: i nuovi gruppi di Facebook si sono avvicinati tantissimo alle pagine tanto che le differenze tra i due strumenti sono ormai veramente poche e sottili.
Dal punto di vista delle aziende (e anche degli utenti) non bisogna mai fidarsi totalmente di un social network, sia esso Facebook o MySpace. Ciò che c’è oggi domani potrebbe cambiare ed anche sparire per questo è difficile calcolare il ROI dei Social Media.

Ad esempio: se da un lato Facebook incoraggia la diffusione delle Fan Page con i badges da integrare in qualsiasi sito web, dall’altro da oggi non è più possibile inviare un aggiornamento (incluso l’invio degli SMS ai fan) ai propri contatti dalle Fan Page di Facebook. Non trovo conferma sul blog di Facebook, se sei admin di una pagina Facebook potresti verificare?

In questo caso il superamento del limite (imposto nei gruppi) dei 5000 contatti va a farsi benedire. Per gli utenti è una bella notizia: finalmente non riceveranno più fastidiosi messaggi nella loro Inbox alla sezione “Updates”.
Per le aziende è una cattiva notizia: se avevano fondato la propria strategia sulla Fan Page (cercando addirittura dei procacciatori di fans) e sul continuo invio di messaggi ed aggiornamenti ora dovranno adeguarsi e trovare altre soluzioni.

D’altronde Social Media marketing (termine odioso e sempre più obsoleto) non vuol dire fare SPAM ma diversificare le proprie strategie di comunicazione. E, forse, non affidarsi troppo e soltanto a Facebook.

[UPDATE]

– Mi dicono che “aggiornamento ai fan” si può ancora fare passando da “modifica pagina”.

Nemici più di prima?

facebook-twitter-app

Mentre a Twitter spingono sempre più sulla geolocalizzazione, Facebook sta per lanciare una applicazione per aggiornare Twitter direttamente dalle Facebook Pages rubandogli così traffico utenti. La sensazione è che Twitter in futuro vivrà più che per il traffico generato attraverso il web, per il numero di utenti attivi, le possibilità di interazione e la qualità dei contenuti disponibili con la real-time social search.
L’applicazione di Facebook è disponibile all’indirizzo: http://www.facebook.com/twitter.