Mettersi all’asta su eBay non va più di moda

Verginità all’asta sul web:

Si è presa circa 30mila euro per la prima volta a letto, con un perfetto sconosciuto. Una studentessa neozelandese, che aveva messo in vendita su Internet la sua verginità per pagarsi gli studi universitari, alla fine ha accettato un’offerta di 45mila dollari australiani.

Con lo pseudonimo Unigirl, la 19enne si era messa in vendita su Ineed, un portale d’aste on-line; e la sua pagina web, in appena una settimana, è stato visitata da 30mila persone e ha ricevuto oltre 1.200 proposte, nonostante non mostrasse alcuna foto.

Vabbe, Ineed è neozelandese però pensavo che mentre una volta si metteva tutto all’asta su eBay (qualcuno lo fa ancora) ora convenga più usare Facebook per far partire una riffa o un’asta pubblica. Con l’enorme vantaggio (o svantaggio per chi vende) di sbirciare tra gli album delle foto.

eBay vende Skype: ed ora?

La vendita del 65% di Skype ad una cordata di investitori da parte di eBay è una sconfitta per il noto sito di aste online (solo in parte però perchè continuerà a controllare il 35%) ed una liberazione per Skype che può finalmente essere indipendente e forse scongiurare definitivamente il rischio chiusura .
D’altronde sarebbe assurdo che l’unico servizio web “2.0” che produce ricavi con un trend sempre in aumento negli ultimi anni debba chiudere baracca.

Tutti pazzi per il Superenalotto

superenalotto

Ingolositi dall’altissimo jackpot e dal montepremi su eBay c’è un’asta per acquistare una scheda del Superenalotto anche dall’estero: per ora non c’è nessun acquirente ma vengono vendute a 10 euro, 4 combinazioni di numeri.
A sedurre e suffragare la dote di questa tipica lotteria italiana vengono anche indicati nella descrizione dell’oggetto gli articoli di BBC e New York Times. Mi chiedo se sia legale questa nuova “frontiera” della ricevitoria online.

Skype a rischio chiusura

Sembra che a causa di una disputa legale sul “core” della tecnologia utilizzata, il servizio di Skype sia a rischio chiusura:

Skype has breached its licence and infringed Joltid’s intellectual property. As a result its licence has been terminated. Joltid is enforcing its rights in the courts. Like any member of the creative industries, Joltid will defend its innovations with determination. It is certain of the validity of its position and looks forward to the resolution of the issue.

TOSBack: come tenere d’occhio i Termini di Servizio di Facebook, Blogger, eBay, YouTube, WordPress

facebook-privacy-policy-tosback

Ogni giorno usiamo tantissimi servizi “cloud” che gestiscono i nostri dati prettamente online: di tutti questi abbiamo accettato i ToS, condizioni che regolano i comportamenti e l’accesso a questi siti web. Quando cambiano bisogna stare attenti alle modifiche, sia per la Privacy che per salvaguardare le nostre tasche e le informazioni che abbiamo concesso. Per questo finalmente qualcuno ha realizzato un tracker che traccia gli eventuali cambiamenti dei termini di servizio di molti di questi servizi.

TOSBack crea una timeline che indica la data delle modifiche e fa un confronto dei ToS del tipo before-after.
Dopo il casino che si ebbe con i termini di utilizzo di Facebook questo potrebbe essere un buon strumento per tenerli d’occhio.