Perchè usare Chrome come browser predefinito su iPhone e iPad

Se c’è una cosa che non sopporto sono i sistemi chiusi: ci siamo sempre lamentati tanto di Microsoft che sul suo Windows ha obbligato per anni ad usare Internet Explorer invece di altri browser e non vedo perchè non dovremmo farlo con Apple per il suo Safari su iPhone e iPad.

Non voglio dover smanettare per fare necessariamente il jailbreak al mio dispositivo: mi basta l’App Store, non ho bisogno di trasformare il mio iPhone in un netbook e avere una applicazione anche per andare al bagno ma voglio poterlo usare al meglio anche come cellulare. Un preambolo per spiegare che senza jailbreak non posso impostare un browser diverso da Safari sul mio iPhone o iPad.

Google infatti da qualche giorno ha rilasciato Chrome (e Google Drive) per iOs disponibile per iPhone e iPad: stanno circolando le istruzioni per impostare Chrome come browser predefinito su iPhone e iPad con BrowserChooser, un repository che si trova sullo store Cydia.

Sto provando Chrome sul mio iPhone 4 con iOs 5.1: l’impressione è che la velocità di caricamento delle pagine (meno quella di start) è superiore a Safari. Chrome sembra andare una scheggia e soprattutto su iPad credo che diventerà presto insostituibile rovesciando Safari. Tra le funzioni che mi piacciono:

– L’integrazione con l’account di Google permette la sincronizzazione dei tuoi dati: password, preferiti e addirittura le tab aperte su altre postazioni. Puoi navigare un sito sul PC e saltare su iPhone o iPad per continuare a farlo;
– Puoi aprire un numero di tab infinite e gestirle attraverso uno scroll verticale il che diventa ideale anche per schermi piccoli come quello dell’iPhone;
– Aprire schede di navigazione in modalità Incognito permette ad altri di non poter scoprire quali siti web hai navigato: è comodo se vuoi prestare un attimo l’iPhone a tuo figlio o al tuo compagno;
– Infine la funzione “Richiedi sito desktop” ti permette di usare facilmente il browser per guardare i siti web nella loro versione desktop.

Problema con Chrome scomparso improvvisamente dal desktop

Ieri sera all’improvviso dopo aver riaperto il notebook ho cliccato su Google Chrome e notato che era scomparso, non si apriva nonostante non fosse attivo il processo.

Il messaggio d’errore era: AppData/local/google/chrome/chrome.exe non dispone delle autorizzazioni necessarie

Chrome era come se non fosse più installato e anche la disinstallazione non andava a buon fine, in pratica il browser era inutilizzabile. Tentare di ripristinare Chrome scaricandolo e reinstallandolo era impossibile perchè l’applicazione rispondeva con: INSTALLAZIONE NON RIUSCITA A CAUSA DI UN ERRORE NON SPECIFICATO. SE GOOGLE CHROME è ATTIVO CHIUDILO E RIPROVA.

Chrome non era attivo da nessuna parte anzi era stato disinstallato. Prima di dirti come ho risolto ti consiglio di fare un backup completo del profilo di Google Chrome e salvare i tuoi dati (per sicurezza ho anche salvato l’intera cartella AppDataLocalGoogleChromeUser DataDefault) usando l’utilissima applicazione Google Chrome Backup.

Ho cercato di capire perchè Chrome non andava e ho scoperto che la causa era l’antivirus AVG (nella versione 8.5) che dopo una scansione rilevava Chrome come un virus, un trojan e quindi lo bloccava rendendolo praticamente indisponibile.

1) Ho fatto il backup di Chrome con Google Chrome Backup: basta aprirlo andare su User Data, cliccare e salvare il nostro profilo di Chrome con tutte le password e i bookmark salvati (se ne avete più d’uno ne noterete diversi) e ottenere un file che sarà del tipo “chrome_User Data_ggmmaaaa.gcb“.

2) Ho quindi proceduto a disinstallare Chrome e a cancellare tutte le cartelle che lo riguardano.

3) Ho aperto AVG sono andato su Tools-Advanced Settings-Update-Manage e ho fatto il Revert del database delle definizioni dei virus ripristinandole alla versione precedente.

4) Ho scaricato Chrome e ho installato l’ultima versione che avevo già precedentemente, la 8, completamente vergine e funzionante. L’ho subito chiusa.

5) Per ripristinare Chrome con la configurazione precedente bisogna utilizzare il backup del profilo che abbiamo fatto al punto 1. Per poter importare il vecchio profilo è necessario utilizzare di nuovo Google Chrome Backup, cliccare su User Data e fare “Restore Profile”. Torneremo alla versione personalizzata con tutti i dati del profilo del browser prima dell’incompatibilità con AVG.

6) Alla fine tutto funzionerà a dovere. Ho subito provveduto a disinstallare AVG, se proprio lo volete usare installate l’ultima versione, la Internet Security 2011.