Il gioco del Totovoto: l’Italia è senza futuro

Si può…fare un decreto notturno in Italia che viene firmato da un Presidente della Repubblica tra i meno garantisti della Costituzione e della legalità (spiace dirlo ma è così) stravolgendo un principio secondo il quale i politici dovrebbero essere i primi cittadini a rispettare le leggi.
All’anno 2010 non è così, vince la legge del più forte. Non voglio essere per l’n-esima volta disfattista, pessimista, ma una nazione che non è capace di scegliersi i candidati ed i rappresentati politici perchè scava con tutti i mezzi nel marcio razzolando il possibile, perchè fa firmare candidati morti da un pezzo o perfetti sconosciuti, perchè per un panino arriva tardi, è un paese senza futuro alcuno.

E’ emblematico che quei pochi cittadini che si sdegnano debbano riunirsi su Facebook in gruppi di protesta quando hanno già degli strumenti per cambiare le cose: raccogliere firme, denunciare i politici corrotti, andare a votare lasciando la scheda bianca, qualsiasi gesto di civiltà è meglio che una leggina.
Quando la politica deve difendere i suoi interessi è pronta a fare le ore piccole mentre quando c’è da proteggere e sostenere i lavoratori, evitare che la FIAT diventi americana o che le banche sfiniscano gli imprenditori si dormono sonni tranquilli.

Questa Italia è allo sbando, non ci resta che giocare al Totovoto (ideato dall’amico Giulio) e scoprire di essere uguali uguali a 40 anni fa. Pubblicalo sul tuo blog, le regole sono queste:

IL TOTOVOTO

Una volta ricevuta una richiesta di voto, con o senza relaviti Bonus o Jolly, basta scrivere:

DATA – LOCALITA’ – RICHIESTA – PUNTEGGIO.

ACCUMULARE PUNTEGGIO
Quando un candidato ti chiede un voto: +3 punti
Quando ti chiede un voto un conoscente: +1 punto

BONUS
Promessa posto di lavoro: +5 punti
Promessa posto di lavoro per tuo figlio o un tuo familiare: +6punti
Promessa di incarico in un ente pubblico: +10 punti
Promessa di un appalto: +15punti

JOLLY
Promessa di soldi in cambio del voto: +8punti
Promessa di lavori di ristrutturazione in casa tua: +11punti
Promessa di favori sessuali: +25punti

Vince chi accumula il punteggio maggiore ovvero ha il TOTOVOTO più alto

Ad esempio il mio TOTOVOTO è:

06/03/2010 – Caserta – Richiesta di voto: 4

Regionali su Facebook: valutare l’indice di popolarità su Facebook dei candidati

elezioni regionali facebook popolarita

Se vuoi lavorare sul Web devi essere creativo e bravo a cogliere la palla al balzo nel presentare novità in qualche modo “intriganti” (perdona il termine). Chiamala pure furbizia 2.0.

Michal Gawel mi ha segnalato Regionali su Facebook realizzato dallo staff tecnico di Seolab. Si tratta di un progetto che intende monitorare le elezioni regionali su Facebook valutando la popolarità dei candidati durante la campagna elettorale.
Il software fa il conteggio incrociato delle occorrenze sul search di Facebook e di Google tirando fuori un numero preciso per ciascun politico ed è un evoluzione di Face2facebook, progetto sempre di Seolab focalizzato sul confronto tra brand su Facebook.

Secondo Gawel sulle strade di tutta italia vediamo dei bilboard dei politici con dei loghi, alcuni grossi alcuni piccoli, di twitter e facebook. Credo che sia un momento di trasformazione anche per l’italia, che man mano, a rilento, pero comincia a rendersi conto della potenzialita di internet e Social Network. Abbiamo voluto fare qualcosa che c’abbia a che fare con facebook e politica, ma al contempo abbiamo voluto mantenere la apolitica linea dell’azienda Seolab, che dovrebbe fornire un oggettivo servizio di marketing a tutti i clienti.
Con il marketing politico, su facebook un politico puo partire avendo un punteggio anche molto minore rispetto al suo concorrente (fino a -50%) e recuperarlo con 3-6 settimane di campagna di successo.

Regionali su Facebook potrebbe servire come punto di partenza per valutare il progresso di una campania elettorale sui social network. Michal dice che stanno già avendo contatti da partiti e politici e pensano di realizzare una versione premium, chiederò al termine delle elezioni di elencare qualche caso studio sull’esperienza maturata in questo mese elettorale.