I click del +1 di Google in vendita

Per chi fa SEO e ha a che fare con l’ottimizzazione dei motori di ricerca gli algoritmi cambiano in continuazione per adeguarsi e plasmarsi sui social network: ad esempio Google sfrutterà i click sui pulsanti +1 per valutare il gradimento di un sito e il suo posizionamento nei risultati di ricerca di Google.
Tagliaerbe non ci vede nulla di male sul fatto che la ricerca sia influenzata dai click del bottone +1 di Google.

Nell’era in cui il PageRank di Google e il suo brevetto un po’ muoiono, in assoluto costruire il rank di un sito web diventa più complesso e in certi casi anche inutile se consideriamo che la ricerca dei motori diventa sempre più personalizzata sulle nostre esigenze.

C’è sempre però l’annoso problema dell’alterazione dei risultati delle SERP: dalla vendita dei fan di Facebook alla vendita dei voti di Google+ il passo è stato breve: non so se sia peggio illudersi di comprare le persone o acquistare i click a pacchetti come faceva Google quando ingaggiava personale per alcuni lavori.

L’Internet dei Pulsanti: Like, Follow e +1 Button


Twitter ha lanciato il Follow Button (che in italiano diventa il pulsante Segui, l’ho messo sopra e di fianco) ovvero la possibilità di seguire l’account Twitter di qualsiasi sito web: per i malati del celhopiùnghismo si può aggiungere anche il numeretto di follower proprio come succede per i Feed. E da oggi comincerà a fare lo stesso anche Google con il +1 Button.

Non è come dare un like ad un commento ma poco ci manca, questi servizi prima o poi cominceranno a farci male perchè in qualche modo ci obbligano a fare azioni o cose che prima non avremmo neanche sognato. Ho l’impressione che si stia costruendo una Internet per idioti voyeur, le truppe dell’esercito del like.

Non so se la tecnologia può farci più male che bene ma certamente influenza i nostri comportamenti: ci ritroveremo come i naufraghi di Lost a premere un pulsante senza un preciso motivo? Da Pensanti a Pulsanti.

Dal “Like Button” al +1 di Google

Google ha aggiunto il bottone +1 ai risultati di ricerca (ne parla anche Google Italia): è una sorta di bottone simile al “mi piace/like” di Facebook che comparirà di fianco ai risultati di ricerca, alla pubblicità e pian piano a tutte le sezioni.

Si comincia su Google.com: per attivare il +1 button e provarlo basta avere un profilo su Google, andare su Google Experimental e attivare il primo esperimento. Dice Matt Cutts che è una evoluzione della Social Search di Google.