Surface: la superficie non basta, nei tablet vince la GUI

E’ difficile trovare un sistema operativo che faccia da completo trait d’union tra PC e cloud: se Chrome per ora ha fallito, iOS è davanti ad Android con l’iPad che ha mangiato in questo senso tutti gli altri tablet grazie alla sua facilità d’uso.

Nel 2007 Microsoft presentò l’interfaccia Surface e in molti erano affascinati da questi tavolini da soggiorno, dei mega tablet in cui usare il touchscreen per giocare, informarsi.
Dopo cinque anni Microsoft ha lanciato il suo talbet Surface: è sottile 9,3mm e lo schermo grande 10.6 pollici con due versioni una con chip Intel Core i5 ed un’altra con i chip ARM. Al tablet viene unita magneticamente (un po’ lo stesso sistema che usa Apple) una tastiera da 3mm con trackpad ed anche questa è completamente multi-touch.

Su Surface gira Windows 8 e su di un device del genere la maturità di un sistema operativo è fondamentale. Eppure lo stesso Ballmer nonostante abbia detto di andare fiero di Windows 8 alla presentazione ha dichiarato:

Quando è stata fondata Micorosoft, Bill Gates e Paul Allen hanno scommesso sul software. Ma è sempre stato chiaro che ciò che il nostro software avrebbe potuto fare è spingere l’hardware, ciò che alcuni dei nostri partner non avevano immaginato. Il numero 1 nelle revenue quando sono entrato a Microsoft era un prodotto hardware.”

Ed è questo forse il grave errore di Microsoft, quello di sottovalutare le GUI per i dispositivi mobile. Apple è riuscita a creare un sistema universale innovativo e intuitivo con il quale l’utente riesce a usare facilmente un tablet o uno smartphone rispetto ad Android che soffre delle personalizzazioni dei costruttori dove ognuno crea poi una propria GUI personalizzata.

E’ davvero pronto Windows 8 per essere innovativo e gareggiare con gli altri tablet? L’interfaccia è tutto, non basta una superficie: sono in arrivo tecnologie con superfici tattili deformabili dinamicamente (i tasti possono prendere qualsiasi forma ed essere spostati sul touchscreen, possono scomparire e comparire) come il propotito Tactus presentato su di un tablet Android.

Non basta solo toccare, il prossimo passo sarà “schiacciare” e “deformare”, costruirsi la propria interfaccia utente con un sistema operativo che non va in panne e non ti considera uno stupido ma è in grado di imparare dai tuoi tap.

Le specifiche di Surface

Surface modello Windows RT
WEIGHT: 676 g
THICKNESS: 9.3 mm
PROCESSOR: Tegra 3
DISPLAY: 10.6” ClearType HD Display, 1366×768 pixels
BATTERY: 31.5 W-h
I/O: microSD, USB 2.0, Micro HD Video, 2×2 MIMO antennae
SOFTWARE: Office Home & Student 2013 RT, Touch Cover, Type Cover
EXTRAS: VaporMg Case & Stand
SSD: 32 GB, 64 GB

Surface modello Windows 8 Pro
WEIGHT: 903 g
THICKNESS: 13.5 mm
PROCESSOR: Core i5 (Ivy Bridge)
DISPLAY: 10.6” ClearType Full HD Display, 1920×1080 pixels
BATTERY: 42 W-h
I/O: microSDXC, USB 3.0, Mini DisplayPort Video, 2×2 MIMO antennae
EXTRAS: VaporMg Case & Stand, Touch Cover, Type Cover, Pen with Palm Block
SSD: 64 GB, 128 GB

email

One thought on “Surface: la superficie non basta, nei tablet vince la GUI”

Comments are closed.