Spaghetti Telecom

In questi giorni è tornata d’attualità finalmente Telecom e la sua situazione finanziaria, dopo il vespaio gossipparo fatto di debiti e spie, come Report ha recentemente raccontato in una puntata.
Sembra che AT&T noto carrier americano sia interessata ad entrare in Telecom Italia e stia negoziando per l’entrata in Olimpia valutando 2.82 euro le azioni: lo riporta un comunicato dell’ufficio stampa dell’azienda. I rumors su di un eventuale acquisto hanno portato oggi ad una salita delle azioni di TI, mentre il Governo si districa tra Enel ed Alitalia e discute se intervenire o meno nell’operazione “Spaghetti Telecom“: se da un lato le banche italiane non possono intervenire troppo dall’altro Tronchetti gongola e si muove a modo suo.
Non so come andrà a finire ma credo che la transizione riguarda un settore strategico così importante che sarebbe da folli non intervenire o per lo meno stare a guardare con molta attenzione perchè non vorrei che tra qualche giorno si iniziasse a parlare di tagli del personale. Finora infatti non credo ci sia stato uno stralcio di incontro tra il sindacato dei lavoratori e l’esecutivo.

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

3 thoughts on “Spaghetti Telecom”

  1. Pingback: Marco Cattaneo Weblog - Tecnologia e New Media - » Brevemente: Spaghetti Telecom, DRM-Free (i)Tunes, Zune in calo; vuoi un V3xx?
  2. Più che dei tagli al personale (fatto altrettanto importante) sarebbe opportuno preoccuparsi di questioni ancor più gravi.
    Ecco come si parla di AT&T quì
    In particolare vorrei evidenziare questo breve passo:

    AT&T… [omissis] …assisted the United States Government in unlawfully monitoring the communications of a large part of the USA, including AT&T customers, businesses and third parties whose communications were routed through AT&T’s network, as well as Voice over IP telephone calls routed via the internet

    Scusate se è poco.

  3. @Massimiliano: Ciao,mi fa piacere un tuo commento,leggo sempre considerazioni interessanti sul tuo blog.
    Insomma i centri d’ascolto diventeranno made in US? Non vorrei si passasse dalla padella alla brace. Grazie della segnalazione.

Comments are closed.