Rifiutifull (parte 5). Pugno di ferro: è guerra tra Stato e cittadini

Scontri tra la Polizia e gli abitanti di Chiaiano

Il precedente episodio di Rifiutifull è a questo indirizzo.

La gente è stanca, confusa, arrabbiata. Il decreto sui rifiuti prevede una mappa che consiste in 10 siti (Bertolaso si è mostrato molto preoccpato e pessimista, forse intende mettere le mani avanti per difendersi da un altro insuccesso?) ed alcuni termovalorizzatori distribuiti per la Campania. Alcune delle discariche individuate sono assurde perchè colpiscono sempre la stessa parte di popolazione e si trovano vicino al centro abitato. Per questo la gente protesta.
E’ il caso ad esempio della cava Mastroianni che Bertolaso intende aprire: si trova nel Casertano di fianco al noto “Lo uttaro” del quale ho già parlato diverse volte, una delle discariche più pericolose al mondo. Ieri il parroco di San Nicola la Strada, il territorio nel quale insistono queste due discariche, molto cautamente invocava i cittadini a fare la raccolta differenziata più spinta possibile: si proponeva egli stesso in prima persona per andare a protestare, “se mi arrestano non importa e non mi portate nulla in prigione, sono diabetico“.
Folclore, certo, ma non solo. Il decreto che la sinistra aveva iniziato a portare avanti prevede che quanti protestino fuori i siti d’interesse vengano arrestati: siamo in uno stato fascista o sbaglio?

Il video sopra mostra una vera e propria guerrilla, scontri a Chiaiano tra la folla e la Polizia, cariche contro gli abitanti, giornalisti picchiati. E’il pugno di ferro del nuovo Governo, così lo chiama Matteoli. No alla violenza per favore, lo dico anche a quanti protestano. Non odiate i poliziotti svolgono in fondo il loro amaro lavoro.

Sono disgustato dalle immagini e dall’ottusità di quanti non capiscono che c’è bisogno di dialogo e di misure razionali per risolvere l’emergenza dei rifiuti: possibile che non si riescono a trovare discariche che non creino problemi sociali ed ambientali?

Lo Stato siamo noi, troppe volte i nostri amministratori lo dimenticano.

[UPDATE]

– Dalla diretta sui rifiuti di Repubblica vengo a sapere che Bertolaso sta incontrando sindaci, rappresentanti dei cittadini e delle circoscrizioni delle zone interessate alle discariche nonchè i tecnici per la questione Chiaiano affinchè si apra un dialogo.

– A proposito de “Lo Uttaro”, Giulio Finotti riprende le parole del senatore Barbieri, Presidente della Commissione Parlamentare di inchiesta sui rifiuti: Lo Uttaro è una “bomba chimica”.

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

1 thought on “Rifiutifull (parte 5). Pugno di ferro: è guerra tra Stato e cittadini”

Comments are closed.