Respiro di Joe Barbieri

Conosco Joe Barbieri e la sua classe melanconica nel fare musica da diversi anni e credo che insieme a Sergio Caputo sia stato tra i primi cantautori italiani a curare quasi di persona un proprio blog, essenziale ed aggiornato in maniera sporadica ma sicuramente spontaneo. E la sua piccola etichetta mi pare abbia sempre fatto un buon lavoro online usando anche i social network in maniera originale (ricordo ad esempio il videoclip di Wanda girato con estratti di fan e amici di Joe e diffuso su Facebook).

Ho amato moltissimo Maison Maravilha e pezzi come Normalmente sono diventati degli evergreen almeno nella mia playlist. Qualcuno considera la musica e la voce di Barbieri smielata, eccessivamente romantica ed a tratti deprimente ma in sostanza è veramente fuori dal tempo, ogni traccia va ascoltata singolarmente affinchè ogni anima salti da una emozione all’altra con il proprio percorso di ricordi, rimpianti, sogni e speranze. E quando sei stanco delle troppe e sistemate pugnalate puoi pur sempre cambiare disco.

Oggi è uscito il nuovo album di Joe Barbieri, Respiro, che Antonio di Microcosmo Dischi mi ha gentilmente inviato per ascoltarlo. Ho solo fatto un primo e distratto ascolto: “Zenzero e cannella“, “Scusami” e “Diamoci del tu” sono tra le più orecchiabili, quelle che canteresti sotto la doccia, “Le milonghe di Sabato” con Gianmaria Testa è già una bella perla che i tangueri apprezzeranno mentre “E vase annure” sembra un classicozzo napoletano arricchito dalla tromba di Bosso (che c’è pure nel bizarro gioco di parole Étape par étape par étape che magari messa lì a fine album rappresenta quei salti emotivi dei quali parlavo).

Come una casa” sembra la sorella di “Normalmente” e forse è addirittura più struggente: lui è lì che aspetta ancora e sempre lei tutto innamorato ma stavolta fa un passo in avanti ed è disposto a farsi calpestare come lo zerbino di casa. E quando il Normalmente è diventato finalmente e Lui ha capito che Lei non ne vuole sapere più nulla di Lui, si convince che è il momento di smetterla di miagolare alla luna (non so perchè mi viene sempre in mente l’immagine di Piero Ciampi con i gatti che gli si mangiano il cuore) e brindare, cantare filastrocche, godersi la città da “Il balconcino del quinto piano“.

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me