Recensione del monitor LCD LG W2353V

LG W2353V

LG Italia mi ha inviato un po’ di tempo fa il monitor LCD LG Flatron W2353V che fa parte della nuova serie di “SMART” monitor, W53. La tecnologia SMART di LG è nata per ridurre l’affaticamento della vista di chi utilizza il computer per tante ore al giorno.
Ringrazio Mauro Turcatti di Burson-Marsteller per la pazienza e la disponibilità e mi scuso per il ritardo di questa recensione stilata sempre secondo questi canoni. Dopo il salto la review completa che ho realizzato grazie all’aiuto di mio fratello Mauro (appassionato di videogame).

Il monitor è un Tft prodotto da LG Electronics . Su Flickr ci sono tutte le foto mentre queste sono le principali caratteristiche tecniche:

23 pollici (in commercio sono disponibili per l’Italia solo quelli da 22 e 24 pollici)
Risoluzione: 1920×1080 pixel (1080p)
Full HD
Contrasto dinamico: 50000:1
Tempo di Risposta 2 MS
1 entrata per le cuffie, 1 ingresso D-SUB (cavo VGA), 1 ingresso DVI-D, 1 ingresso HDMI

Impressioni, monitori a confronto, giudizio

L’imballaggio è buono, lo screen arriva sano e salvo: all’interno del box c’è la garanzia con la registrazione del prodotto, un foglietto che spiega come installare i driver dell’LCD all’interno del CD-ROM che contiene il manuale utente ed il software di supporto forteManager. L’unica e grave pecca è che all’interno della confezione non c’è il cavo HDMI, non so se sia un problema relativo all’invio per questo test o sia così anche in commercio. Queste le interfacce già citate sopra:

101_1591

Il mio modello è un 23 pollici (attualmente dovrebbe costare sui 310$ circa) che non si trova sugli scaffali, già questo aspetto è negativo perchè diventa difficile dare un giudizio che abbia poi dei riscontri reali. Il design è abbastanza moderno ed è composto da finiture lucide, una struttura che sembra sufficientemente solida e considerando la grandezza sottile e leggera.
Montare la base di supporto ad incastro è semplice e comodo, consente una inclinazione dello schermo di circa 15 gradi:

lg-w53-screen-inclinazione

Ho utilizzato l’LG W53 collegandolo attraverso il cavo VGA al mio notebook e successivamente all’Xbox 360. Il primo utilizzo ha senso se nel caso avessi la necessità di lavorare con Photoshop, programmare del codice attraverso diverse finestre, fare video making, giocare ad un videogame sul PC. Per la navigazione web è decisamente sprecato e forse anche poco intuitivo.

Non ho potuto provare alcune delle funzioni del monitor a causa di problemi di incompatibilità tra l’utility forteManager ed il maledetto Windows Vista (il monitor è certificato Windows Vista e viene riconosciuto perfettamente): attraverso forteManager infatti vengono gestite molte delle funzioni più interessanti dell’LCD ed è possibile fare delle regolazioni sul colore salvando anche la configurazione che ci sembra migliore. forteManager s’interfaccia con il chip f-Engine che migliora l’immagine cambiando la sincronizzazione dei colori.

La funzione più interessante – quella che dovrebbe spingere all’acquisto di questo monitor – è l’AutoBright: lo schermo regola la luminosità in automatico grazie ad un sensore interno in funzione della luce presente nell’ambiente e dei contenuti che passano sul monitor. Ho provato a cambiare fonte di luce ed in effetti l’LG W53 si comporta bene regolando automaticamente l’intensità di retroilluminazione seguendo il parametro UGR (rating di luminosità unificato); ovviamente è possibile anche decidere di usare AutoBright solo quando vogliamo.

Un’altra feature degna di nota è Cinema Mode: è possibile diminuire la luminosità delle aree attorno ad un filmato in riproduzione in modo da non essere distratti dal contesto. E’ una funzione che c’è da tempo anche su YouTube ad esempio.
Time Control invece si occupa di non farci stancare molto: è possibile impostare un timer affinchè il monitor avvisi che è tempo di fare una pausa e riposare gli occhi. Molto utile per chi lavora molto tempo al PC.

Live Sensor invece è un sensore di prossimità che è posto nella parte inferiore dello schermo e che all’occorrenza illumina i tasti, rendonoli facili da trovare. In sostanza sono alcuni tasti a sfioramento con i quali controllare tutti menu dello schermo, accensione compresa. Non essendo un vero e proprio touch la sensibilità e la precisione di Live Sensor non è altissima:

101_1606

Sembra inoltre che questo modello di LG utilizzi anche la Wyse Technology per un risparmio dell’energia e dei consumi in funzione dell’attività dello schermo.

Prova su Xbox 360

Collegare questo LG a diversi dispositivi è molto semplice, la guida a corredo sul CD è abbastanza facile da seguire anche per un utente non esperto. Visto che forteManager non ne voleva sapere di funzionare (anche su Windows XP Professional SP3), me ne sono fregato ed ho collegato l’LG W2353V all’Xbox 360: questo monitor è adatto per farci girare su anche dei videogiochi perchè ha un tempo di risposta molto basso, pari a 2ms. Il tempo di risposta di un LCD è il tempo richiesto all’elettronica per poter accendere un pixel dello schermo. Ovviamente più questo tempo è breve, migliore è l’immagine percepita.
Purtroppo al momento non avevo una scheda di acquisizione nè un monitor full HD di marca diversa con il quale confrontarlo dunque ho usato una videocamera per fotografare e filmare il tutto ed un Philips LCD 190s da 19 pollici.
Come titolo per l’Xbox 360 ho usato il nuovissimo FIFA 2010 selezionando Napoli-Juventus (tra l’altro si giocherà il prossimo sabato spero non porti male per il Napoli). Non so a quanto potrebbe servire un test del genere senza correllare un adeguato approfondimento tecnico (che non ho tempo di fare) ma volevo darti la sensazione della qualità dell’immagine del monitor. Di seguito foto e video.

Immagine statica di FIFA 2010 su LG W2353V full HD

101_1609

Immagine statica di FIFA 2010 su Philips 190s

101_1638

Immagine in movimento di FIFA 2010 su LG W2353V full HD

101_1610

Immagine in movimento di FIFA 2010 su Philips 190s

101_1643

La differenza di qualità tra le immagini è netta: seppure il confronto tra i due abbia poco senso ho preferito farlo ugualmente. Qui sotto i due video a confronto dei due monitor: il primo filmato riguarda l’LG W2353V, il secondo il Philips 190s.

Giudizio finale. Il monitor LG W2353V è di buona caratura, di difetti ne ha pochissimi: il 23 pollici concede tanto spazio con la sua risoluzione, forse il tipo di formato è esagerato, non so se sia il top per la programmazione ad esempio. Mancano le casse ed un tuner TV. Ho notato poi un po’ di surriscaldamento dopo qualche ora d’utilizzo ma immagino sia normale, non ho avuto modo di verificare la temperatura.
Il rapporto qualità-prezzo mi sembra buono ed è forse il pezzo forte di questo screen.

Prezzo (IVA inclusa): 199,00€ per la versione da 22”. 269,00€ per la versione da 24”

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

4 thoughts on “Recensione del monitor LCD LG W2353V”

    1. @aghost: Non lo ritenevo molto importante, per me non fa differenza anche perchè ho linkato i canoni che uso di solito. Il monitor, essendo un oggetto molto grande, rimane a me ma se decidessi diversamente potrei anche rispedirlo o farmene dare un altro per “regalarlo” ai lettori.

  1. l’ho chiesto perché la vedo dura riuscire a restare obiettivi se poi l’oggetto ti viene regalato o venduto a prezzo di favore. Non credi?

  2. @aghost: Non mi pongo problemi: quando accetto qualsiasi prodotto, che lo restituisca o meno l’accordo è sempre quello, come scrissi ormai anni fa, di trasparenza. Devo avere la massima libertà, parlarne male o non parlarne proprio, come mi è già capitato per altri prodotti.

Comments are closed.