Prolunghiamo il Governo Monti

A quanto pare è nato un fantomatico e per ora anonimo comitato che vuole Prolungare il Governo Monti oltre il 2013. Hanno scritto un manifesto decisamente banale a sostegno di Monti e del suo Governo perchè “coscienti del momento di crisi dell’Italia, non solo economica ma etica e morale, auspichiamo che l’attuale fase riformatrice possa continuare ininterrotta per opera di un governo forte e capace“.

Ho provato a capire chi fossero gli ideatori di questa iniziativa, il sito è registrato a “BENVENUTI ARBORIO DI GATTINARA LODOVICO” (inventato? non credo è un .it) che se si fa una ricerca su Treccani vien fuori una famiglia nobile di marchesi di Breme. Divertente, no? Il Governo delle banche e dei poteri forti come qualcuno l’ha chiamato sostenuto da ricconi.

Nel 2013 lo scenario sarà abbastanza incasinato soprattutto se resterà l’attuale legge elettorale e dunque com’è possibile che si formi veramente un cosiddetto partito di tecnici? L’eventualità farebbe sorridere e auspico che non si verifichi, qualsiasi partito è o dovrebbe essere fondato su convinzioni e ideologie politiche oltre che sulle competenze e sul lavoro degli iscritti.

Perchè l’Italia è già stata partitocratica e anche se è abbiamo cambiato Repubblica da quella fase non siamo mai usciti fuori veramente.

E allora ho chiesto agli autori del sito di spiegarsi e fare un decalogo del perchè un cittadino dovrebbe appoggiare una iniziativa del genere che a me pare sinceramente strampalata. Ecco cosa mi hanno risposto, lascio a voi le considerazioni.

 

NOTA PER DARIO SALVELLI

PROLUNGHIAMOILGOVERNOMONTI.IT

 

  • Ci fa piacere mettere subito in chiaro che questa iniziativa non è anonima e non prevede di esserlo; come abbiamo avuto modo di comunicare in calce al Manifesto pubblicato sul nostro sito, le liste dei membri dei due comitati saranno rese pubbliche il 30 maggio 2012;
  • Rientra nella libertà di ciascuno scegliere ora se aderire o meno alla semplice iniziativa o aspettare la data indicata per prendere una decisione, confortata dai nomi dei promotori;
  • La ragione di questa nostra precisa scelta sta nell’opportunità – da noi tutti condivisa – di presentare inizialmente la sola iniziativa, scevra da ogni abbinamento ai nomi dei promotori;
  • Prolunghiamoilgovernomonti.it oggi si presenta attraverso l’idea – il nostro Manifesto – e il primo strumento per la sua realizzazione – il sito www.prolunghiamoilgovernomonti.it;
  • La nostra iniziativa non chiede di prolungare il governo Monti senza alcun passaggio elettorale; noi chiediamo il supporto dei cittadini perché possa prendere corpo ed essere organizzato, senza intermediari politici – e con il supporto della rete – il primo sostegno popolare diretto all’attuale governo per prorogare lo sforzo riformatore appena iniziato per il tempo necessario alla ricostruzione di un sistema politico, sociale ed economico equo e competitivo.
  • Negli ultimi 20 anni i cittadini italiani sono stati ripetutamente illusi dalla nostra classe politica che non ha saputo affrontare i problemi e i nodi strutturali che bloccano il Paese ma che, al contempo, ci ha bombardato di dati, progetti e programmi elettorali rimasti incompiuti.
  • Oggi il paese è meno equo, meno competitivo, e i giovani hanno meno prospettive ed opportunità per il futuro rispetto a quelle che avevano i loro genitori;
  • Prolunghiamoilgovernomonti.it vuole investire sull’autorevolezza, sulla serietà e sulla competenza della persona “Mario Monti”, unica vera garanzia in questa fase di incertezza.
  • Vogliamo fornire a Mario Monti una legittimazione diretta, senza che questi venga soffocato dall’intermediazione e dal condizionamento dei partiti politici e degli interessi, grandi e piccoli, che li guidano. Il percorso accidentato di questi giorni delle liberalizzazioni, attraverso i due rami del Parlamento, è un esempio lampante.
  • Prolunghiamoilgovernomonti.it non vuol favorire un partito “dei tecnici”; la nostra iniziativa è autonoma e non risponde a nessun interesse, sia esso economico, politico, nazionale o internazionale;
  • La nostra è una sfida che parte da un’idea semplice – il nostro Manifesto – molto entusiasmo e il supporto della rete.