Abbiamo davvero bisogno di un’agenda digitale?

Secondo l’ultimo eGovernment Benchmark Report dell’Europa l’Italia ha reso disponibili via Web il 99% delle 20 prestazioni “essenziali” individuate da Bruxelles per il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda Digitale. Il dato non l’ho inventato io ma è contenuto nel report “Digitizing Public Services in Europe: Putting ambition into action – 9th Benchmark Measurement“:

 

L’obiettivo che l’UE ha fissato è fare in modo che il 50% dei cittadini e l’80% delle imprese fruiscano dei servizi di e-Government entro il 2015. Sono considerate operazioni “essenziali” infatti: la dichiarazione dei redditi, i servizi di sicurezza sociale e ricerca di lavoro, il registro automobilistico, la richiesta di licenza edilizia, il certificati di nascita e di matrimonio (albo pretorio online), l’iscrizione a scuole superiori, i servizi sanitari, i contributi sociali per i lavoratori dipendenti, la registrazione di una nuova impresa e gli appalti pubblici.

Attraverso l’uso di questi servizi i costi della Pubblica Amministrazione italiana dovrebbero diminuire altrimenti questo processo di conversione diventa inutile. E lo è se i cittadini e le imprese non utilizzano questi servizi web. Per questo bisogno parlare più spesso di formazione e Cultura Digitale, solo eliminando l’aggettivo “digitale” avremmo vinto una parte dell’analfabetismo.

C’è un però: se siamo messi così bene come afferma l’Europa ha davvero senso parlare e battersi per una – “personale e propria” – agenda digitale?

 

SIAE indebitata e nei guai: arriva il commissario

La tassa sull’elettronica (l’equo compenso) si alza anno per anno e dal 1 Luglio aumenterà di 1 euro il biglietto del cinema si spera per sgravi fiscali del settore cinematografico e non per foraggiare società in debito. Ad esempio quali?

Dal 30 Novembre scorso la SIAE è senza Presidente: Giorgio Assumma si è dimesso e per mancanza di quorum sono saltate 3 votazioni. Il MiBac (Ministero dei Beni Culturali) quindi in una lettera ha deciso di commissariare la SIAE. Quando in Italia non si sa cosa fare si commissaria un ente o un ramo invece che affrontare subito e di petto i problemi.

La SIAE ha un debito nei confronti dei suoi stessi associati, gli autori ed editori, di 800 milioni di euro, la cifra più alta tra questo tipo di società in Europa tanto che si parla già di una nuova Alitalia. Ciò significa che quando avete speso qualche euro o centesimo di tassa per il bollino quei soldi non sono finiti direttamente all’autore ma a pagare i debiti della SIAE.

Dove troverà quei soldi il commissario? Cominceranno a setacciare studi dentistici, salumerie e supermercati d’ogni tipo, cori di bambini, per tirare fuori qualche soldo? Vuoi vedere che questi soldi usciranno magicamente fuori pari-pari da quelli che erano destinati alla banda larga (ricordo la probabile tassa sulle ADSL)?

Se fossi un autore quali interessi avrei nell’iscrivermi ad una società che è in debito? E poi: ha ancora senso la SIAE per come è istituita ora? Le risposte le lascio agli esperti di diritto d’autore.

Aprile è il mese più divertente dell’anno: Boris ed Habemus Papam

Dal 15 aprile al cinema c’è Habemus Papam, il nuovo film di Nanni Moretti che amo molto soprattutto per i suoi primi lungometraggi. Nel cast recita anche Tony Laudadio, un attore della mia città che conosco e stimo. Come vedete il trailer è misterioso: per quanto ne so vedremo un Papa che si perde per le strade di Roma e questo basta per farmi ridere.

Dall’altra parte il giorno 1 aprile esce invece il film di Boris, irriverente serie televisiva partita su Sky diversi anni fa e che vede al “centro” della storia un pesciolino. Le aspettative sono alte, la colonna sonora è di Elio e le Storie Tese.

In Italia 1 treno su 2 è in ritardo

Non posso non citare l’ultima indagine di Altroconsumo sui treni italiani che dipinge il pessimo stato del nostro traffico in ferro con ritardi e lentezze che riguardano non solo i pendolari ma anche l’alta velocità. Tutto questo forse però lo sapevamo già e allora che fare?

Non solo i treni dei pendolari (che arrivano in ritardo nel 65% dei casi), l’allergia alla puntualità di Trenitalia coinvolge anche l’Alta velocità e tutti gli altri convogli a lunga percorrenza, il 57% dei quali giunge a destinazione oltre l’orario previsto. Il 57% dei 510 treni a lunga percorrenza monitorati è arrivato in ritardo: il 14% dopo un quarto d’ora e il 7% addirittura dopo mezz’ora.

Non va meglio per i pendolari: il 65% dei convogli non è riuscito ad arrivare nei tempi previsti, uno su cinque ha un ritardo tra i 5 e i 15 minuti, il 5% va oltre il quarto d’ora. Le corse che vanno peggio sono quelle dirette verso Sud, dove i convogli si fanno attendere più spesso (65%) e l’entità dei ritardi è più consistente.

 

Disclaimer: ho un contratto di collaborazione con Altroconsumo.