KEEP CALM AND BUY NOW

Forse questa piacerebbe a Gianluca ed alla sua serie sul marketing insegnato (d)ai negozianti. L’ho trovata sulla vetrina di un negozio di calzature ad Ischia Ponte, la zona del vecchio porto di Ischia, abbastanza turistica grazie alla presenza del Castello Aragonese e del borgo antico.

In periodo di saldi tappezzare il proprio negozio con una indicazione di sconto usando uno dei meme più noti sul Web (almeno agli stranieri) dimostra un certo coraggio, ironia ed una buona intraprendenza.

Dai fake follower di Twitter ai robot di Facebook: chi clicca sulla pubblicità?

Limited Run è una piattaforma americana che si occupa di aiutare band e artisti a vendere musica e fare merchandising online.
Hanno deciso di chiudere la loro pagina Facebook tra qualche settimana in favore del profilo Twitter e in questo post spiegano che la loro scelta dipende dalla frustazione nei confronti della pubblicità di Facebook.

In sostanza avevano testato qualche mese fa per il lancio della piattaforma e il cambio del loro nome sono stati costretti a spendere per un mese 2000 dollari in pubblicità di Facebook. Hanno notato che durante la campagna è stato possibile verificare solo il 15-20% dei click convertiti dagli utenti reali sul loro sito web mentre l’80% dei click pagati è arrivato da robot in quanto non c’era JavaScript abilitato (secondo le loro statistiche solo l’1-2% degli utenti lo hanno disabilitato).

Da quando è circolata questa notizia però i fan della loro pagina Facebook sono raddoppiati senza spendere 1 euro. Facebook sta investigando sull’accaduto ed ha risposto che probabilmente c’è stato un problema proprio con il cambiamento del nome della pagina Facebook di Limited run.

E’ una estate fatta di fake follower su Twitter e di robot (fake fan) su Facebook con dati più o meno fumosi che vanno presi con le pinze: non è possibile affermare l’esperienza di un singolo come verità statistica di un fenomeno.
A qualcuno è venuto addirittura il sospetto che Facebook crei dei fake like attraverso il suo sistema pubblicitario.

Su Google+ accade la stessa cosa o il fenomeno è più contenuto?

[UPDATE 2 Agosto]

– Proprio oggi un articolo su BBC nel quale il social network in blu dichiara una alta percentuale di utenti fake su Facebook, circa 83 milioni.

Luca Perugini fa una sua piccola indagine e arriva più o meno alle stesse conclusioni riguardo la pubblicità su Facebook: alcuni click sembrano gonfiati e quindi si paga per un traffico che non è mai arrivato. Forse è meglio limitare i budget per l’ad sui siti esterni, che ne pensate?

Le Olimpiadi della censura

Credits: Barcroft Media

A quanto pare le Olimpiadi di Londra 2012 si stanno dimostrando come quelle con il più alto grado di sicurezza con delle regole che mostrano un rapporto inquinato tra gli sponsor, il CIO e l’organizzazione olimpica affannati alla difesa di una presunta proprietà intellettuale che invece cela gli interessi di lobby e multinazionali.

Dopo aver letto la segnalazione di Luca De Biase, Claudia alias Tigella mi ha segnalato il suo post che traduce un articolo preoccupante: come l’Olimpiade è stata trasformata in un incubo cyberpunk. L’articolo ha diverse fonti ma lancia accuse gravi e merita approfondimenti successivi e ulteriori affinchè alcune dichiarazioni e fatti vengano confermati.

Due divieti tra i tanti sembrano assurdi: quello di non poter linkare il sito delle Olimpiadi in caso di commenti negativo (come faccio in questo post in sostanza) e quello da spettatore delle Olimpiadi di non poter portare ed usare un router wi-fi o 3G perchè British Telecom ha un contratto di esclusiva e quindi si può accedere solo con quello pagando esclusivamente con carta Visa.
La domanda che ci si pone è se le Olimpiadi possono essere considerate quali un bene pubblico appartenente all’umanità oppure come un grande evento soggiogato completamente a interessi economici e alle multinazionali?Dove comincia la difesa del diritto d’autore e dove finisce la libertà di atleti, spettatori, abitanti di uno stato democratico?

Trasformare il proprio Paese durante le Olimpiadi in una dittatura come dice Clastre su Le Monde è una gravissima violazione alla quale nessuna nazione dovrebbe cedere.

Republike, la nuova identità della Repubblica Ceca

Czech Republike è la nuova identità per il turismo della Repubblica Ceca: l’idea che la campagna si basi tutta su di un prodotto commerciale come Facebook a me sembra alquanto pessima con un design che è molto freddo e non ha nessun richiamo alle bellezze ed alla storia della Repubblica Ceca. E’ stata realizzata dallo studio Marvil di Praga ed è un po’ come chiamare Amsterdam, “Amster-damn“.
Queste erano le altre proposte che il Czech Tourist Authority ha analizzato nell’ambito della gara.

Cosa ne pensate?