Appuntamento oggi alle 16:30

Consueto appuntamento settimanale (mercoledì o giovedì pomeriggio) con gli ascoltatori di Radio Club 91, oggi alle ore 16:30 circa. Non vi dico di che parleremo, così aumenta l’audiradio, scherzo: gatti robitici, sudoku di Flickr e qualcosa che già avete letto su questo blog. Per chi non può ascoltare via F.M. c’è lo streaming online ed il Podcast nei prossimi giorni. Buon ascolto.

Il Tormentone delle Promozioni Natalizie

Cosa non si fa per inviare gli auguri di Natale: ogni December per le telco è giunto il momento di sponsorizzare le proprie Promozioni Natalizie con centinaia di sms e mms gratuiti, chiamate gratis, che fanno brillare gli occhi dei consumatori; ma convengono davvero ?
Analizziamo le offerte (in ordine alfabetico) di Tim, Vodafone e Wind, mentre il mondo Tre si dedica come di consueto ad altre offerte.

Tim presenta Carta Auguri Tim che prevede 3 opzioni: Carta Messaggi, Chiama e Richiama e Carta Auguri. Non si riesce a trovare online invece risorse riguardanti la “mirabilante” promozione relativa alla Videochiamata per Natale che, disponibile sia per la clientela residenziale che quella business, dovrebbe permettere dal 15 dicembre 2006 al 15 dicembre 2007 a tutti gli utenti della rete fissa di effettuare videotelefonate senza spese (le tariffe di solito sono care) mediante il Videotelefono Telecom verso gli altri clienti della rete fissa di Telecom (che abbiano però il videotelefono) e mobile (solo cellulari UMTS): sul sito Tim c’è solo questo link al riguardo.

Wind per i privati offre una serie di promozioni alcune interessanti oltre il Periodo natalizio: Messaggi Free, Wind 6 Sms, Special Card. La prima è rivolta ovviamente al Natale, la seconda è invece l’ex Noi Due di Wind, mentre Special Card è indicata per periodi più lunghi poichè è possibile accumulare un bonus di circa 2000 euro, anche verso tutti i numeri (anche fissi presumo).

Vodafone presenta Christmas 00 Card un offerta che sarà attivabile (in una prima fase) fino al 15 dicembre 2006 e rinnovabile solo una volta non oltre il 15 gennaio 2007 e che prevede 3 opzioni: Messaggi, Parole, Parole e Messaggi. La prima che ha un costo di attivazione di 8 euro consiste in 100sms +100mms gratis per 30 giorni verso numeri Vodafone, la seconda con costo di attivazione pari a 8 euro permette di chiamare per 30 giorni a 0 cent al minuto verso i numeri Vodafone fino a 1000 minuti al mese (sembra ci sia uno scatto alla risposta di 19 cent), l’ultima è una combinazione di Parole e Messaggi con costo di attivazione a 12 euro anzichè 16 e 0 cent al minuto per chiamare ed inviare Sms ai numeri Vodafone.

Da notare la diversa filosofia d’informazione tra Wind e Vodafone: la prima elenca in maniera precisa tutte le offerte, anche a chi non è cliente.

Skype Italia closed

E’ da un po che volevo parlare della chiusura di Skype Italia per reorganizzazione della company. Il bello che i blogs ed i siti di informazione hanno dovuto inseguire i rumors in giro, quando avrebbero potuto leggere della notizia sul Blog di Skype Italy: se solo qualcuno avesse scritto un post in merito. Ci sarebbe da discutere sulle strategie dell’azienda che ha deciso di concentrare a London tutti gli uffici operativi, riunendo tutti i Senior di Polonia, Francia, Spagna, Portogallo, Uk ed Italy, questo per migliorare Skype nell’organizzazione del marketing e coinvolgere più figure nei nuovi prodotti. La decisione è frutto forse del nuovo proprietario, eBay, che stia perdendo colpi il VoIP software più famoso del mondo ? Dal mio punto di vista la stima è calata da un pezzo, ci sono in giro tanti altri software, anche migliori: come avviene ad esempio con il messenger di Microsoft, spesso per gli utenti sono solo scelte di comodo.

La soluzione all'Innovazione: un PC ad ogni co.co.co

Questa ve la siete fatta sfuggire, io no. Tra i tanti emendamenti presentati a fine novembre dal governo ve ne era uno per istituire una sorta di fondo di 27 milioni di euro, destinato all’erogazione di contributi per l’acquisto di PC da parte dei co.co.co (collaboratori coordinati e continunativi), compresi anche i collaborori a progetto, nel corso del 2007. Ne dà notizia Repubblica, che precisa che l’agevolazione è concessa a chi acquista un pc nuovo di fabbrica, presentando il documento che attesta la spesa sostenuta entro il 31 dicembre 2007. Che aspettate allora ?

La soluzione all’Innovazione: un PC ad ogni co.co.co

Questa ve la siete fatta sfuggire, io no. Tra i tanti emendamenti presentati a fine novembre dal governo ve ne era uno per istituire una sorta di fondo di 27 milioni di euro, destinato all’erogazione di contributi per l’acquisto di PC da parte dei co.co.co (collaboratori coordinati e continunativi), compresi anche i collaborori a progetto, nel corso del 2007. Ne dà notizia Repubblica, che precisa che l’agevolazione è concessa a chi acquista un pc nuovo di fabbrica, presentando il documento che attesta la spesa sostenuta entro il 31 dicembre 2007. Che aspettate allora ?

I bloggers che indagano se stessi ? La vedo male !

Via Punto Informatico leggo una iniziativa promossa da SWG, l’Università di Trieste, Splinder e lo stesso P.I. , tesa a far un inchiesta sui bloggers (c’è già chi l’ha fatto, sparando grosso) con una specie di questionario: come piattaforma di studio c’è un blog, (incredibile puoi anche “candidarti”) su Splinder. Senza considerare i commenti piovuti, a me sembra scusate il termine, una “stronzata”: aprire un blog su piattaforma Splinder, parlare di collaborazione e non rendere possibile almeno un Wiki o link più esaustivi, usare il termine “candidato”, mi puzza di bufala commerciale e di ennesimo tentavo di usare la blogosfera come veicolo pubblicitario, spero non sia così. Se poi è coinvolta un università allora il discorso deve farsi necessariamente più serio: la ricerca, pur quella condotta nelle scienze della comunicazione, consiste in uno studio meno approssimativo e superficiale che quella al momento ispirata dal blog Diario Aperto. Chiedere ai bloggers di indagare se stessi ed esigere di essere obiettivi come in un Diario: quanto meno esagerato.

[UPDATE, December 11] Enrico Milic di SWG risponde alle critiche sul blog con un post: i bloggers hanno già una voce, a detta di molti tra l’altro, autorevole. Chiedere di conversare su se stessi è un metodo rivolto all’apertura ma non risolve i dubbi che ho espresso: attendo con curiosità gli sviluppi dello studio e le domande che (se) sono arrivate.

Have Google a secret Lab ?

Navigavo online ed ho scoperto un vecchio rumors riguardante Google sul forum di Webmasterworld. Pare infatti che Google abbia creato un Lab secreto con URL: . Alcuni webmaster hanno ricevuto infatti alcuni referrals da questo indirizzo che ora reinderizza alla home di Google. Slashdot riportò la notizia nel 2001 e su alcuni blog si è avuta anche una sorta di conferma, come se Google si facesse aiutare da spammers o volontari per monitorare, valutare ed interrogare le search results: in fin dei conti c’è una page in tal senso, riguardante probabilmente i servizi di Google, https://services.google.com/, lasciata stranamente blank. Che Google abbia secreti nascosti non v’è dubbio, non c’è azienda al mondo che non ne possegga qualcuno; i più geek però amano di solito queste notizie.

English Version

I was online and have found out an old rumors regarding Google on Webmasterworlds’ Forum. Google it seems in fact to have created a secret Lab with URL: . Some webmaster received a few referrals from this address than now point to the Google home. Slashdot took back the news on 2001 and on some blog has also a kind of confirmation, as if Google was helped from spammers or volunteers to monitor, evaluate and ask the search results: there is a page in such sense, probably concerning the Google services, https://services.google.com/, strangely left blank. That Google has hidden secrets there isn’t doubt, no one company in the world does not own someone; the however several geek usually love this news.