La minigonna di Internet

Se su Internet una donna esprime le proprie opinioni vengono viste e valutate diversamente rispetto ad un uomo? Bel pezzo della giornalista Laurie Penny tradotto su Internazionale:

Se vogliamo costruire uno spazio veramente equo e vitale per il dibattito politico e gli scambi sociali, online e off­line, non basta lasciar cadere nel vuoto le molestie subite da donne, omosessuali, trans­gender e persone di colore che osano avere delle opinioni. Libertà di espressione significa essere liberi di usare la tecnologia e partecipare alla vita pubblica senza paura di ritorsioni. E se le uniche persone che possono farlo sono maschi bianchi eterosessuali, internet non è così libera come ci piacerebbe credere.

I fattori del posizionamento di un sito web su Google

Giorgio Tave oggi ha presentato i Fattori del Posizionamento di una pagina su Google nel 2011 realizzato grazie alle domande fatte a 42 esperti.

Il primo grafico è relativo all’importanza delle keyword mentre il secondo come deve essere l’HTML di una pagina.

Continue reading “I fattori del posizionamento di un sito web su Google”

Marchionne sul TIME

Marchionne come Jobs? Come segnala sempre l’ottimo Nomfup, Sergio Marchionne è nella copertina del TIME di Europa, Asia e Pacifico del Sud mentre quella degli Usa è diversa. Più che questa strana scelta editoriale ci sarebbe da chiedersi se si è guadagnato veramente la copertina del TIME dopo aver salvato la FIAT e Chrysler, la terza azienda americana nel settore auto.

Perchè se il 2011 è stato il suo anno i risultati del lavoro di un manager si vedono sempre nell’anno che verrà e soprattutto in quelli a seguire. D’altronde in copertina è seduto in una 500 e sembra che le vendite di questa vettura non siano andate proprio bene.

Ora porto il mio culo all’estero magari finisco sul Time.

Google+ serve solo a fare SEO?

Mentre molti si sono cancellati da Google+ ho scelto di usare poco e niente il mio profilo Google+ ma di aprire una pagina Google+ dopo il lancio di quelle aziendali.

Non ne sono pienamente convinto perchè ho imparato che più di due social network ovvero Twitter e Facebook non riesco a gestire per questioni di tempo, comodità, ottimizzazione. Per questo da tempo mi chiedo: a che serve Google+? Continue reading “Google+ serve solo a fare SEO?”

Dall’Euro al Napo

Mentre Nigel Farage (bel ritratto de Il Post) continua a far parlare di sè con il funerale all’Euro e un’intervista a Byoblu che ha dell’assurdo a Napoli sta per nascere la “moneta” Napo. Ne parla l’assessore Esposito: non si tratta ovviamente di una vera e propria valuta ma di un buono sconto al portatore del 10% circa.
Il comune di Napoli darà dei Napo ai cittadini che si comporteranno in maniera meritoria e le attività commerciali avranno il vantaggio di pagare meno alcuni servizi della città. Riuscirà a creare meccanismi virtuosi di cittadinanza?
Nell’ultima classifica sulla qualità della vita del Sole 24 Ore Napoli ha guadagnato due posti ma è sempre tra le ultime città.

Monti Python

A chi farà ridere il decreto Salva Italia di Monti? A pochissimi perchè come un pitone Monti ha cercato di colpire e mordere con un decreto da subito ciò che l’Europa e tutti chiedevano all’Italia: affrontare in qualche modo la crisi.

Ha il merito d’aver affrontato la previdenza sociale: proprio il ministro Fornero che spero venga ricordato più per ciò che farà che per il suo pianto, spiega in questo video di Superquark le pensioni.

E’ vero che preoccupa che non ci siano diverse cose che il primo discorso di Monti del suo insediamento aveva fatto ben sperare: lotta all’evasione, lotta alla corruzione, crescita e equità. Ma questo è un Governo di transizione, certamente di tecnici ma pur sempre un Governo e dunque è fatto di politica, di compromessi.
Ci si lamenta che non sia un esecutivo d’espressione democratica: se questo decreto venisse bocciato e la fiducia negata saremmo punto e da capo.

Tra le cose che non ci sono: mancano ancora tanti privilegi da eliminare come quello nei confronti della Chiesa e dei grandi patrimoni, spariranno le pensioni d’anzianità, l’IVA arriverà fino al 23%, il Vaticano continuerà a non pagare nemmeno 1 € di Ici-Imu, la ripartizione dell’8×1000 resta invariata (i patti lateranensi soprattutto in questa crisi vanno rivisti), l’addizionale Irpef regionale sale dallo 0,9 all’ 1,23%, la vergognosa riforma Gelmini sull’Università per ora resta lì dov’è, la legge europea anticorruzione firmata e non ratificata dall’Italia resta una chimera, nessun provvedimento ancora sulla crescita ma solo tagli ai consumi, mancano provvedimenti su agenda digitale, innovazione e green economy. Continue reading “Monti Python”