La Padania invade l’Italia? Umberto Bossi si dimetta

Hai visto il video? Basta, non se ne può più. Questo Paese ha bisogno di altro: sembra di essere tornati agli anni ’90.
Se sei d’accordo condividi la pagina Facebook La Padania invade l’Italia? Umberto Bossi si dimetta https://www.facebook.com/bossidimissioni: forse non servirà a nulla ma se siamo in tanti è probabile che Napolitano (o più probabilmente qualcuno del suo ufficio stampa che usa Facebook) legga e ne tragga le sue conclusioni.

Umberto Bossi ha dichiarato: “In tutte le regioni bagnate dal Po c’è un esercito padano. Milioni di uomini che aspettano solo che succeda qualcosa, un lampo per mettersi in cammino. Che l’Italia vada a picco questo l’hanno capito tutti, è chiaro che bisogna preparare qualcosa di alternativo: la Padania.”

Sembra quasi una dichiarazione di guerra da parte dell’inesistente Padania, confine che evidentemente serve a delimitare i neuroni dei Leghisti perchè alla storia del “noi siamo i migliori”, “senza di noi andate a picco”, ci credono ormai solanto loro. C’è invece il rischio che, con la scusa della crisi, del debito, della mancata crescita, questo manipolo in camicetta verda abbia voglia di fare quasi un colpo di Stato e mettere le mani sulla democrazia, sulla Costituzione, sull’Italia.

E’ per questo che se fossi il Presidente della Repubblica, dopo l’n-esimo discorso così medievale, eversivo e pessimista da parte di un membro dell’attuale Governo, chiederei subito le sue dimissioni. Cosa aspetta Giorgio Napolitano? Cosa aspettano gli italiani a chiedere e pretendere, in primis a loro stessi, uno scatto di partecipazione attiva, di modernità, di dignità?

Questa patria non è un borgo in cui si fa ancora la caccia alle streghe, dove le nuove janare sono le escort, i monacielli si dividono tra politici, malavitosi e faccendieri vari mentre il Re è chiuso nel suo castello a godersi gli affari e gli scudi d’oro. Umberto Bossi si dimetta, si dimetta questo Governo: lo faccia per salvare quel poco di dignità che gli è rimasta.

email