Non solo Cina: YouTube censurato in Sudan

Alcune notizie difficilmente arrivano sui grandi giornali o sui media più affermati. A volte il compito di Internet è proprio quello di scovare e per quanto possibile certificare, con i blog o contenuti multimediali, ciò che sta accadendo.

Probabilmente nessuno di voi si collega in Internet dal Sudan nè forse vi importa molto (e sbagliate) ma sembra che in Sudan oltre la chiusura di molte testate giornalistiche indipendenti nelle ultime settimane sia stato chiuso YouTube rendendolo così inaccessibile. Ahmad Mahmoud, blogger sudanese, ha creato e sta promovendo su Facebook un gruppo di denuncia.
I motivi di questa chiusura non sono chiari: si va dall’inserimento di video ad alto contenuto sessuale, video di satira per finire a documentari di denucia sulla situazione in Sudan e su quella di alcuni bambini fatti prigionieri il 10 maggio scorso durante un attacco della Sudanese Army ad Omdurman. Molti lì in Sudan stanno aggirando la situazione utilizzando i server canadesi (ca.youtube.com) per vedere YouTube.

Nonostante le mie aspettative Ahmad racconta di un Sudan nel quale è facile collegarsi alla Rete data la presenza di connessioni DSL nelle case ed in molti Internet cafè. I regimi come quelli in Sudan fanno un grosso errore se pensano di poter spegnere definitivamente Internet.

Via [Italian Blogs for Darfur]

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me