Mr. Berlusconi si dimetta, mi consenta

D’altronde fossi Berlusconi perchè dovrei dimettermi? Darei ragione ai comunisti che mi contestano e biasimano, per non parlare dell’opposizione antiberlusconiana che da anni fa finta di darmi addosso solo per strappare voti e consensi. Sono così e non cambio.
Forse a Londra non conoscono benissimo gli Italiani e lo stesso Berlusconi:

“Gli ultimi giorni della corte di re Silvio” s’intitola il paginone dell’Independent di oggi. E il Times ricostruisce su due pagine la vicenda con un grafico della “ragnatela di connessioni nel mondo di Silvio”, ipotizzando che le pressioni per costringere il premier a dimettersi continueranno e indicando nel governatore della Banca d’Italia, Mario Draghi, un possibile primo ministro ad interim che ne prenda il posto.

Silvio sta raggiungendo il massimo potere possibile, non ha più una maggioranza schiacciante ma ha accresciuto una certa notorietà anche come uomo dalle vigorose doti fisiche, caratteristica sulla quale costruire l’immagine di un politico ancora forte e solido nonostante l’incedere del tempo ed il susseguirsi dei governi.
Nel linguaggio mediatico di Berlusconi le pressioni che arrivano dall’esterno per le feste con le escort restano confinate nel campo delle illazioni, come momenti legati al privato che non contrastano neanche lontanamente con l’uomo buono, generoso e sincero nel quale gran parte degli italiani hanno riposto la loro fiducia.
Da quando è entrato in politica gli alleati di Berlusconi hanno sempre preso le distanze dai suoi comportamenti, dalle dichiarazioni fuori luogo alle terribili gaffe, perchè dovrebbero volerlo abbandonare proprio ora?
Certo, con puttanopoli potrebbero finalmente approfittare e colpire a guardia bassa ma immagino che ciò accada soltanto al termine del suo mandato.

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

2 thoughts on “Mr. Berlusconi si dimetta, mi consenta”

  1. Dario avevo appena letto una notizia che non lo era, da Wittgenstein ;)
    Speriamo sempre che certe avventure dei nostri politici siano almeno più discrete se non altro, visto che poi rimangono sempre col culo nella sella :(

Comments are closed.