Lo stato del broadband in Italia: tariffe basse ed alta qualità?

Di recente si è parlato del Rapporto Caio sullo stato della banda larga in Italia. L’Organizzazione per la Cooperazione Economica e lo Sviluppo (OECD) ha pubblicato un rapporto sullo scenario del broadband internazionale con dati aggiornati che vanno da Settembre a Dicembre 2008.
Tra i 266 milioni di utenti analizzati il 60% delle nazioni utilizza la tecnologia DSL, il 28% Cable mentre il 10% la Fibra+LAN: in questo senso mi ha stupito il grafico secondo il quale in Italia si fa un uso della fibra più alto (file .XLS) di molti altri paesi come Francia e Germania ad esempio con un 3% del totale delle connessioni.
Secondo alcuni di questi dati poi abbiamo la media mensile per le sottoscrizioni delle offerte Internet tra le più basse al mondo con 31,25USD (a Settembre 2008 con la stima del range va da 11,39$ a 45,43$ l’Italia è al quarto posto per i paesi con le connessioni più economiche): sono state comparate tra loro solo 8 offerte in Italia mentre in quasi tutti gli altri Paesi la varietà di scelta è più ampia (si va da 11 a 71 in Australia).

broadband-average-monthly-subscription

I dati diventano meno positivi quando parliamo di penetrazione: siamo 18 esimi in Italia con un incremento di connessioni ogni 100 abitanti del 1.96%, 22 esimi se contiamo il numero di sottoscrittori totali pari a circa 11 milioni e 300 mila. Come siamo messi invece nella qualità dei servizi?

average-broadband-download-country

Nella media riguardo la velocità di download siamo 19 esimi con 11939 kbit/s mentre in upload non vengono stimati i dati per i singoli paesi ma per tecnologia utilizzata (la più veloce è ovviamente FTTx). Mi sembrano dei dati troppo positivi rispetto a quelli condivisi questi giorni.

Via [Tom’s Hardware]

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

1 thought on “Lo stato del broadband in Italia: tariffe basse ed alta qualità?”

  1. Infatti i dati mi sembrano troppo buoni per essere veri…

    Sui prezzi avranno considerato le offerte a 9 euro al mese, che però valgono solo per 3 mesi o una cosa del genere, o quelle a consumo o con limitazioni in orario o quantità; flat ADSL a meno di 40 euro non ne ho mai viste…

    E sulla velocità è misurata quella effettiva o quella scritta a contratto?

    Purtroppo stiamo peggio di come vogliono farci credere.

Comments are closed.