La mail di Alfonso Luigi Marra (POST AGGIORNATO)

Per evitare inutili beghe legali tra l’avvocato Alfonso Luigi Marra e il sottoscritto rettifico completamente il post. Chiedo inoltre scusa all’avvocato se è rimasto offeso da quanto scritto e spero di non aver reso la sua immagine, ovviamente non erano queste le mie intenzioni. Vorrei che si potesse discutere più sulla questione della chiusura del suo canale YouTube e del video sul signoraggio che secondo Marra sta facendo il giro del mondo.

Alfonso Luigi Marra (Marra.it) sta inviando una email a diversi indirizzi di posta elettronica specificando di aver acquistato gli indirizzi in abbonameto dalla società Medias che se non ricordo male qualche tempo fa mi inserì sul suo sito nella lista “giornalista”, figura professionale che non mi appartiene.

Detto questo, nella mail Marra si lamenta del fatto che YouTube ha bloccato tutti i suoi video a partire dall’ultimo con Ruby protagonista chiudendo anche il canale “fermiamolebanche” per diverse e gravi motivazioni che nulla hanno a che vedere con signoraggio o banche: hanno violato alcune norme della community di YouTube e per curiosità ho chiesto a Google di spiegare cos’hanno combinato e spero mi rispondano a breve.

Il mio indirizzo email, quello del blog, è pubblico ma per la legge NESSUNO può inviare email senza il consenso. A quanto pare non sono stato l’unico, ho provveduto a rimuovere l’indirizzo come specificato nella mail di Marra che di professione dovrebbe fare l’avvocato. Se non volete ricevere più email scrivete ‘REMOVE’ a nomailfermiamolebanche@gmail.com.

 

[AGGIORNAMENTO 20 Febbraio, 13:26]

Pensavo di essere l’unico cretino poi ho letto il post di Finzioni.

 

[AGGIORNAMENTO 18 Febbraio, ore 13:48]

– Non mi sembra di aver offeso nessuno nè di aver sbagliato nella valutazione ma sono pronto a rettificare ovviamente, aspetto i pareri degli esperti. Intanto leggo nei commenti di Agoravox Italia un contributo dell’avvocato Raffaele Ferrante con eventuali azioni legali nei miei confronti per diffamazione e risarcimento danni.

Questo il commento:

Lei, signor Dario Salvelli, sta dicendo che era nella lista della società Medias, che è stata comprata per poter legittimamente inviare le email e dopo di che, sostiene che Marra abbia fatto dello spam?
Chiederemo ora dettagli a Medias.
Nel mentre, ai fini di nostre eventuali azioni per diffamazione e risarcimento danni, vuole essere così cortese da precisare meglio cosa ha inteso dire?

Avv. Raffaele Ferrante

[AGGIORNAMENTO 18 Febbraio, ore 14:10]

Un portavoce di Google Italy mi comunica via email perchè hanno chiuso il canale YouTube del signor Alfonso Luigi Marra:

Con 35 ore di video caricate ogni minuto su YouTube, contiamo che i membri della nostra community conoscano i termini e condizioni che la regolano e ne prendano atto per segnalarci i contenuti che a loro avviso ne costituiscono una violazione.
Esaminiamo tutti i contenuti che ci vengono segnalati nel minor tempo possibile e nel momento in cui riscontriamo che un video segnalato viola in effetti le nostre linee guida, lo rimuoviamo mediamente in meno di un’ora. Abbiamo anche un team che si occupa di identificare e rimuovere video spam da YouTube. Gli account YouTube e i rispettivi canali sono soggetti a loro volta a termini e condizioni di utilizzo della community e possono essere chiusi a seguito di gravi e ripetute violazioni delle linee guida della community.

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

8 thoughts on “La mail di Alfonso Luigi Marra (POST AGGIORNATO)”

  1. Bisogna vedere come sei finito nella lista della società Medias.

    Se loro hanno il tuo consenso (magari perché lo hanno acquistato da terzi) e l’autorizzazione a cedere il tuo contatto a terzi per comunicazioni di questo genere, allora non si tratta di spam.

    Non sono un legale ma più o meno le cose dovrebbero stare così, indi per cui l’eventuale disturbo è da imputare (nell’eventualità) alla società Medias e non a Luigi Marra.

    1. Ciao Davide, non lo so come ci sono finito ma io non ho dato il consenso proprio a nulla. Qualche tempo fa mi ero accorto di un referrer al mio blog con il mio nome da tale società Medias ma non era un contenuto pubblico a quanto ricordo.

      Io sono pronto a fare tutte le rettifiche del caso di questo post: e loro? :)

  2. Ho fatto come indicato nell’intervento e spero che le mail non arrivino più. Inviare mail non autorizzate è contrario alla netiquette, come mandare mail con un mittente non raggiungibile. Il problema è che l’autorizzazione viene imposta come “condicio sine qua non” per la sottoscrizione di vari servizi sulla grande Rete. Talvolta chi utilizza questi enormi elenchi di indirizzi lo fa seguendo le regole della netiquette e indica un indirizzo per eseguire la cancellazione dalla lista, a volte addirittura indica la fonte donde ha tratto il nostro indirizzo. Quando ciò non succede non sappiamo quale è stata la sottoscrizione “fatale” e non sappiamo come difenderci.

  3. Leggi da affaritaliani.it l’articolo nel quale l’avv. Marra illustra le 5 norme regala-soldi alle banche e aderisci al comitato promotore del referendum per abrogarle.

    Tra alcuni giorni, per una piena conoscenza della problematica, lo studio legale dell’avv. Marra divulgherà e metterà a disposizione su SCRIBD la versione integrale dei corposi ricorsi per incostituzionalità delle predette leggi, che sta già presentando nelle cause contro le banche, in modo che i cittadini che vogliano possano approfondirli e gli avvocati utilizzarli anche loro per sollevare le questioni di incostituzionalità nelle cause contro le banche

  4. MARRA REFERENDUM CONTRO LE 5 LEGGI REGALA-SOLDI ALLE BANCHE
    Vedi nel corpo dell’articolo di Oggi.it quali sono le leggi in questione.
    L’articolo è relativo alla serata in via Veneto in occasione della registrazione del video di Rossy de Palma, di prossima pubblicazione, circa il referendum che Marra vuole promuovere per l’abrogazione delle 5 leggi anticostituzionali, 3 delle quali recentissime, con le quali i politici,
    senza una parola né da destra né da sinistra né dal centro, hanno regalato ulteriori
    centinaia di miliardi di euro annuali ai loro padroni: le banche, nel mentre si fingono alla ricerca di rimedi per aiutare i cittadini in balia della crisi.

    -http://www.scribd.com/doc/65923095/Marra-referendum-contro-le-5-leggi-
    regala-soldi-alle-banche

Comments are closed.